Skip to content

CONTINUATE A VOTARE P D …….!!!!!

8 maggio 2017

da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

Primo Piano

08/05/2017 15:14

L’Italia è indebitata fino al collo, ma per Mps i soldi ci sono sempre

Un altro miliardo dal governo per salvare banca rossa

L’Italia è indebitata fino al collo, ma per Mps i soldi ci sono sempre

Pochi prestiti alle aziende, invalidi sfrattati, disoccupazione alle stelle. Però per aiutare la roccaforte della sinistra, le risorse (pubbliche) non mancano mai

 

L’Italia è il Paese delle contraddizioni e delle ingiustizie. Uno Stato che sfratta i disabili (anche al 100%) mentre riesce sempre a trovare posto e risorse per accogliere gli immigrati. Cronaca di una nazione che fa fatica a racimolare i soldi per i “non autosufficienti” ma che se c’è da salvare un istituto di credito, non uno qualunque ma quello da sempre in mano alla sinistra, mette subito a disposizione 20 miliardi (non milioni, per fronteggiare anche le vicissitudini di altri gruppi) di euro. Amministrata da un governo (il quarto consecutivo non eletto dal popolo), targato Pd, che pende dalle labbra dell’Europa e dei poteri forti: a partire dalle banche. Ebbene, i 6,6 miliardi riservati dall’esecutivo per far risorgere il Monte dei Paschi sembrano non essere sufficienti. Serve un altro aiuto pubblico per risollevare dagli inferi Rocca Salimbeni, l’ennesimo. Inserito ad hoc da Palazzo Chigi nella manovra correttiva dello scorso 11 aprile, cucito su misura proprio per banca rossa. Roba da quasi 1 miliardo, venuto a galla grazie all’ammissione forse involontaria del gruppo toscano, che nella sua relazione trimestrale ha spiegato che la mini-riforma dell’Ace (aiuto alla crescita economica) potrebbe avere un impatto positivo di 891 milioni per l’istituto. Un effetto che potrebbe materializzarsi entro giugno e che deriverebbe dalle imposte anticipate su perdite fiscali non iscritte in bilancio.

Ancora una volta la sinistra italiana è riuscita a superare i limiti della decenza. E tutto per tenere in vita quella cassaforte prima in mano al Pci poi al Pds e infine passata sotto il controllo del Pd. Al peggio non c’è mai fine, verrebbe da dire. Perché in Italia si fatica (per usare un eufemismo) a trovare lavoro mentre viene quasi automatico reperire risorse per sostenere la causa Mps.

Non se ne può più. Ancora favori e aiuti statali a quella banca che dal 22 dicembre scorso non è più sui listini di Borsa e ha dilaniato un patrimonio (tendente praticamente all’infinito) grazie alle scellerate gestioni dell’ultimo decennio. Con il valore del Monte che non supera i 500 milioni mentre gli aiuti statali sfiorano gli 8 miliardi. Un controsenso, ingiusto e intollerabile. In un Paese dove le persone ormai muoiono di fame e le aziende falliscono per via di prestiti irrisori dagli interessi mostruosi. La misura adesso è davvero colma, ma di tutte queste stranezze in pochi ne parlano e nessuno nel Palazzo sembra strapparsi le vesti. Una vergogna, tutta italiana.


da  IL  GIORNALE.IT

 

Il governo non paga il conto: chiude il ristorante del sisma

La proprietaria del ristorante Il Vecchio Mulilo, Silvia Fronzi, ha sfamato per settimane i soccorsi che venivano in aiuto della popolazioni colpite dal sisma. Ora però lo Stato l’ha abbandonata

Silvia Fronzi di Pieve Torina, uno dei borghi colpiti dal sisma del 30 ottobre scorso, non si era mai fermata davanti a nulla: scosse, macerie, neve e un paese oramai fantasma.

Il suo ristorante, il Vecchio Mulino – gestito da 26 anni con la mamma e la sorella – è sempre rimasto aperto, anche quando tutto sembrava perso e aprire pareva una follia. “Sono stata fortunata, la casa era agibile, anche il ristorante. Abbiamo scelto di tenere aperto e continuare a lavorare. Se non l’avessimo fatto dove avrebbero mangiato i soccorritori?” ammette orgogliosa.

E sì, quel locale ha sfamato tutti i soccorritori che sono corsi in aiuto dei cittadini colpiti dal sisma. Silvia, come moltissimi cittadini di Pieve Torina è stata costretta ad abbandonare il paesino in attesa dei controlli di agibilità, ma anche in questo caso a deciso di continuare a lavorare. Ogni giorno per settimane percorreva 200 chilometri in auto per rispettare quella convenzione con il Centro Operativo Avanzato di Macerata da cui dipendono funzionari e operatori addetti al soccorso. “Dovevamo servire 200 pasti al giorno e non siamo mai venuti meno al nostro impegno, nemmeno durante le feste” confida a La Stampa.

Niente ha fermato Silvia, lo vogliamo ribadire. O quasi. Infatti, a piegare la volontà della donna sono stati gli assegni che all’improvviso non sono più arrivati: “Da dicembre non riceviamo nulla. Siamo arrivati a circa 150 mila euro di credito con lo Stato. Abbiamo retto finora grazie ai un mutuo che devo restituire alla banca e alla buona volontà dei fornitori ma tra qualche giorno inizieranno a non portarmi più la merce, dovrò chiudere“. Silvia ci tiene a sottolineare sulle pagine del quotidiano torinese che il problema non sono i vigili del fuoco o gli altri operatori che mangiano nel suo ristorante, bensì “lo Stato, che considera normale non pagare e mettere in difficoltà chi lavora con onestà malgrado le condizioni proibitive“.

Un caso politico

In soccorso di Silvia però sono intervenuti Beatrice Brignone (Possibile) e Donatella Agostinelli (M5s), che hanno presentato interrogazioni parlamentari per chiedere spiegazioni. “Riteniamo sconcertante che ogni volta che si verificano catastrofi come quella delle Marche, la macchina della burocrazia sia tanto lenta e farraginosa e che sia indegno che le spese, anche nel caso di specie, siano state sostenute solo grazie alle donazioni ricevute” precisa la Agostinelli che chiede “al Governo una risposta pronta per evitare che persista questa situazione

Beatrice Brignone si rivolge invece al premier, a cui chiede “quante sono a oggi le attività con sede nelle zone colpite dal terremoto cui deve ancora erogare i rimborsi per le spese da esse sostenute nell’ambito delle Convenzione pasti tra Stato e Vigili del Fuoco. Il caso di Pieve Torina non è isolato purtroppo e molte persone non hanno nemmeno più la forza di reclamare un proprio diritto. Il Governo deve dare concretezza agli impegni presi con le popolazioni terremotate, tanto più che con l’avvicinarsi della stagione estiva, molti sfollati sono stati mandati via dalle strutture alberghiere che li avevano ospitati in inverno“. La vicenda è così diventata un caso politico, e a Silvia sono piovute pure della critiche e, come riporta La Stampa, anche qualche telefonata: “Ma certo che lo Stato pagherà, di che ti lamenti?“. Quando però non è dato saperlo…

 

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: