Skip to content

QUESTE SONO LE PRIORITA’ DEL P D ………. RICORDATEVELO !!!!

25 gennaio 2017

16266172_382544052113004_5744141682519273259_n

4.000.000 di disoccupati in Italia, migliaia di terremotati al freddo nelle tende, i giovani italiani costretti ad emigrare, milioni di anziani con pensioni da fame e una sanità da terzo mondo e il Partito Democratico di cosa si preoccupa????

Si preoccupa di regalare la cittadinanza italiana a cani e porci clandestini e a far adottare bambini agli omosessuali!!!!

RICORDATEVELO  PRESTO  QUANDO  ANDREMO  A  VOTARE !!!!

Patrick di Majan

16174664_10211937432461649_7833956771371676818_n

 

da  IL  GIORNALE.IT

 

Kyenge: “Il Pd approvi la legge sullo ius soli”

Cecile Kyenge si fa portavoce delle preoccupazioni dei dem per un possibile patto con la Lega per far affossare la riforma in cambio di un supporto sulla legge elettorale

“Faccio un appello al Pd, il nostro partito non deve avere paura dell’ostruzionismo della Lega che sta facendo le barricate in Senato per non far passare questa legge.

Il ministro all’Integrazione Cecile Kyenge a Che tempo che fa

In passato, quando si è voluto, queste barricate sono state superate”. Cecile Kyenge, intervenendo a Radio Cusano Campus, ha chiesto al suo partito di andare avanti per approvare la legge sullo ius soli che giace ferma in Senato.

“Per l’Italia questo tema rimane una priorità, per una questione di civiltà –ha affermato Kyenge-. I bambini senza cittadinanza che ci guardano ci chiedono di non essere più ignorati. Questa è una responsabilità di tutti noi, anche per dare coerenza a tutti i temi che contraddistinguono il Pd”.

Anche Gianni Cuperlo, uno dei leader della minoranza dem, ha mandato un monito ai vertici del suo partito. “Se un partito di sinistra, il Pd, il mio partito, contrabbandasse una legge di civiltà come lo “ius soli” con un accordo sulla legge elettorale, quella sarebbe una delle ragioni per abbandonare quel partito”, ha dichiarato Cuperlo. Tra i democratici si teme che la riforma sulla cittadinanza venga definitivamente accantonata per poter andare a elezioni a giugno con una legge elettorale che vada bene anche alla Lega. Una scelta che il senatore renziano, Roberto Cociancich, definisce un “pactum sceleris”, ricordando che: “Lo stesso Matteo ha sempre detto che la riforma della cittadinanza era insieme con quella sulle unioni civili, uno dei provvedimenti che dà dignità a questa legislatura” e che: “Una legge elettorale non sta sullo stesso piano di una legge di civiltà come questa”.

Ieri, intanto, la relatrice della riforma Doris Lo Moro, capogruppo dem in commissione, ha aperto il dossier “ius soli” e si è detta determinata a portare a casa la legge “a tutti i costi” pur ammettendo che “in questi giorni si sente che c’è qualcosa che non va”. “Credo sia collegato alla sentenza della Consulta – spiega – e alle sue conseguenze: se si va al voto prima dell’estate o meno. Comunque non mi sembra credibile l’ipotesi di voto anticipato con tutti i problemi sul tavolo. E con la Lega non abbiamo nulla che ci accomuni, non vedo neppure affinità sulla legge elettorale”. E, infatti, il Carroccio, non intende cedere sulla riforma della cittadinanza.“Se approda in Aula – dice Calderoli -presenterò non gli 8 mila emendamenti già depositati in commissione, ma milioni. Faremo su questo la campagna elettorale”.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: