Skip to content

LA MIA PIU’ TOTALE SOLIDARIETA’ A GIANFRANCO LEONARDUZZI !!!!

25 gennaio 2017

Comune di Majano

Provincia di Udine

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA CONFORME

ANNO 2017 N. 13

OGGETTO:COSTITUZIONE IN GIUDIZIO QUALE PARTE CIVILE NEL PROCEDIMENTO PENALE RG. N. RG 6935/15 E INDIVIDUAZIONE LEGALE PER INCARICO DI PATROCINIO LEGALE.

L’anno 2017, il giorno 19 del mese di Gennaio alle ore 18:40, nella sala comunale si è riunita la Giunta Comunale.

Fatto l’appello nominale risultano:Presente/Assente

Paladin Raffaella

Sindaco

Assente

De Sabbata Elisa Giulia

Vice Sindaco

Presente

Battigelli Roberto

Assessore

Presente

Aita Picco Marco

Assessore

Presente

Zucchiatti Daniela

Assessore

Presente

 

Assiste il Segretario comunale Dott.ssa Daniela Peresson.

Constatato il numero degli intervenuti, assume la presidenza la Dott.ssa Elisa Giulia De Sabbata nella sua qualità di Vice Sindaco ed espone gli oggetti inscritti all’ordine del giorno e su questi la Giunta Comunale adotta la seguente deliberazione:

 

LA GIUNTA COMUNALE

PRESO ATTO, dal resoconto del Sindaco, dei dettagli della vicenda e di come anche il Comune, in quanto istituzione e comunità, fosse stato chiamato in causa dal sopra citato articolo;

PRESO ATTO, inoltre, della possibilità di costituirsi quale parte civile nel procedimento penale in parola, al fine di ottenere il risarcimento dei danni di immagine arrecati dall’articolo oggetto della querela;

UDITO il Sindaco il quale, al fine di non condizionare la decisione in merito, dichiara che si assenterà dall’aula e non prenderà parte né alla discussione né alla decisione riguardante la presente deliberazione;

VALUTATI attentamente i fatti, così come relazionati dal Sindaco, nonché esaminata la documentazione riguardante l’articolo oggetto di querela e la sua diffusione a mezzo internet e stampa, documentazione conservata agli atti;

RITENUTO opportuno costituirsi in giudizio dinanzi al Tribunale di Udine, sezione penale, quale parte civile nel procedimento in essere contro il signor Leonarduzzi Gianfranco , responsabile della pagina Internet http://www.leonarduzzi.ue , al fine di ottenere il risarcimento di tutti i danni, patrimoniali e non, occorsi all’Ente dai delitti di cui sopra;

RITENUTO di dichiarare la presente deliberazione immediatamente esecutiva ai sensi dell’art. 1 della L. R. 21/2003 per permettere la costituzione in giudizio entro la data fissata per l’udienza (01.02.2017);

VISTO il parere favorevole del Responsabile del Servizio espresso precedentemente sulla proposta ai sensi dell’articolo

49, comma 1, del TUEL approvato con D. Lgs. 18/08/2000 n. 267 e s.m.i., così come risulta in calce alla presente delibera;

VISTO il parere di conformità alle norme legislative, statutarie e regolamentari reso dal Segretario Comunale, nell’ambito delle funzioni consultive e di assistenza agli organi dell’Ente, di cui all’articolo 97, comma 2 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267 e s.m.i.;

con voti unanimi

DELIBERA

1.di autorizzare il Sindaco, quale rappresentante legale dell’Ente, a costituirsi parte civile nel procedimento penale n. RG 6935/15 pendente presso il Tribunale ordinario di Udine nei confronti di Leonarduzzi Gianfranco , responsabile della pagina Internet http://www.leonarduzzi.ue , al fine di ottenere il risarcimento di tutti i danni, patrimoniali e non, occorsi all’Ente dai delitti di cui sopra;

 

2.di individuare per l’incarico di patrocinio legale in relazione ai fatti di cui al procedimento penale sopra indicato: l’ Avv. Alessandro Feri con studio in Gorizia, rinviando a successiva determinazione il formale atto di incarico e il conseguente impegno della spesa occorrente.

 

Per distinta votazione, con voto favorevole unanime

DELIBERA

di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1, comma 19 della L.R. 11/12/2003 n. 21 e successive modifiche.


Come di consueto, la segreteria del Comune di Majano, ha provveduto ad informare i Consiglieri Comunali delle delibere approvate nell’ultima riunione di Giunta .

Apro la email e in elenco c’è anche la delibera quì sopra riportata .

Sinceramente, pensavo che il Sindaco Paladin avesse una grande soddisfazione a querelare solo in sottoscritto, ma imparo che così non è .

Lungi da me solo il pensiero di commentare tali scelte, ma una considerazione politica mi sento di farla :

Quando un cittadino decide di scendere in politica, deve mettere anche in preventivo che non tutti possono essere in linea con il proprio pensiero e che fra questi, può essere anche qualcuno che dissente rumorosamente criticando aspramente il suo operato .

Invece di tricerarsi dietro le querele, ben diverso sarebbe se si rispondesse nel merito di quello che ti viene contestato o criticato……. ma tant’è .

A differenza di un normale cittadino che usa le querele per difendere la propria onorabilità, il politico, deve sapere che querelando dimostra solo la sua più grande pochezza sia politica che spirituale (questo è il mio pensiero) e ben diverso sarebbe se invece di querelare rispondesse per le rime .

Ciò non toglie, che segnalare gli illeciti è un preciso dovere per un politico .

Sotto, senza commenti o polemiche ma solo a titolo di diritto di cronaca, riporto l’articolo che è sfociato in querela .

Voglio precisare, che a detta dell’amico Leonarduzzi, lo spunto per questo articolo gli è stato dato da un politico majanese di lungo corso e che è stato Sindaco di Majano per molti anni .

Gianfranco Leonarduzzi è tranquillo e sereno, ma io voglio essere solidale con Lui come sono sicuro che Lui sarà solidale con me quando verrà il mio turno di presentarmi alla sbarra .

Patrick di Majan

da  LEOPOST

BREEE..KIN’ PALADIN!! IL SINDACO DI MAJANO NELLA BUFERA: “DESTINAZIONI D’USO IN FAVORE DEI PARENTI”

majano-paladin-2-1024x585

Majano nella bufera, malgrado il successo del Festival che cresce grazie al presidente dimissionario Daniele Stefanutti.

Il sindaco Raffaella Paladin nel vortice delle attenzioni della procura di Udine per via di una variante al piano regolatore che presenta una “furbata” urbana tutta parentale: si modifica la destinazione d’uso di un’area di proprietà dei genitori del sindaco, da interesse agricolo a edificabile. In pratica, si tratterebbe di un abuso d’ufficio grande come una casa, oppure, a scelta, di interessi privati in atti pubblici. Quanto basta per accendere i riflettori su Majano.

Tuttavia il nesso col Festival è pertinente giacché durante l’inaugurazione dell’edizione 2015, il presidente della Pro Loco Daniele Stefanutti, ha evitato accuratamente di consegnare l’omaggio floreale al sindaco di casa Raffaella Paladin, figuraccia ciclopica della prima cittadina che, di fronte a Serracchiani, è rimasta di stucco. Segnali inequivocabili di una distanza siderale del sindaco con l’associazionismo locale. Tutti si sono accorti che Stefanutti e Paladin sono ai ferri corti. Dal palco alla procura il passo è breve, sviluppi imprevedibili sulla famosa variante “parentale”

N°24.

Majano infetta, regione corrotta. Cosa vuoi di più friulano per capiore che è suonata l’ora del badile?

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: