Skip to content

UNA VOLTA I TRADITORI LI FUCILAVANO ALLA SCHIENA O LI APPENDEVANO PER IL COLLO…….!!!!

23 gennaio 2017

da  IL  GIORNALE.IT

 

Per i profughi altri 87 milioni, le coop sgomitano

«Basta ghetti» intima il Viminale, intanto Padova lancia il mega bando per 2.800 migranti

Venti cooperative in corsa per aggiudicarsi una fetta di una nuova, gigantesca, torta da 87 milioni di euro.

La prefettura di Padova la assegnerà a giorni, l’altro ieri sono scaduti i termini per la presentazione delle offerte, e chi la otterrà avrà garantita la gestione dell’accoglienza di 2.800 migranti sul territorio per i prossimi due anni.

Il ghiotto bando è la replica di un film già visto, in questi anni in cui l’emergenza si è progressivamente fatta business, ma dopo la violenta protesta esplosa nell’ex base militare di Cona, nel veneziano, dove alcuni operatori del centro erano stati sequestrati dagli «ospiti» inferociti, il governo aveva promesso un cambio di rotta. Basta concentrazioni elevate di profughi in poche aree e stop a enclavi come «ghetti» che finiscono per trasformarsi in bombe a orologeria, era stato il senso della lettera che il Viminale aveva inviato ai prefetti per evitare nuovi disordini e rivolte. Ma a leggere il bando che Padova si prepara ad aggiudicare il 24 gennaio, emergono i soliti numeri. Divisi su due lotti: uno finalizzato alla sistemazione di duemila profughi nelle strutture reperite autonomamente dalle cooperative (hotel, stabili offerti da privati ecc); un altro prevede 800 posti all’interno della caserma di Bagnoli, tanti quanti già ne ospita.

Ma si tratta di un numero «puramente indicativo» che «potrà essere superiore od inferiore» a seconda nella necessità, si legge nel disciplinare. Insomma, se l’obiettivo del ministero dell’Interno, dopo le tensioni, era ribadire «il rispetto pieno dell’accordo con l’Anci di 2,5 migranti per ogni mille abitanti» perché le «maggiori problematiche derivano da dimensioni di centri che non consentono integrazione e che marginalizzano una sorta di enclave etnica con numeri troppo alti di richiedenti asilo», l’inversione di marcia pare lontana. Con queste cifre, il rischio che i centri si trasformino in polveriere resta altissimo. Risse, proteste e litigi sono già all’ordine del giorno proprio a Bagnoli, dove ora si rinnova l’appalto.

L’ultima risale a soli tre giorni fa, ed è finita con tre migranti in ospedale per ferite e traumi e cinquantina di bengalesi che ha manifestato bloccando l’ingresso e l’uscita dal campo, per la difficile convivenza con i nigeriani e gli ivoriani. Oltre all’accoglienza materiale, tra i servizi richiesti alle cooperative (per 35 euro più Iva a persona), ci sono la mediazione linguistica e culturale, l’orientamento e l’accompagnamento all’inserimento lavorativo. Si tratta di requisiti standard, che raramente dalla carta si traducono in effettivi percorsi di integrazione. Basti pensare che nel bando si considerano sufficienti un solo mediatore e un solo interprete per 800 richiedenti asilo: «Almeno una risorsa umana» che abbia almeno «tre mesi di esperienza», si legge nella gara.

A cui si è presentata anche la coop «pigliatutto» Edeco, finita nella bufera dopo i fatti di Cona e già stata indagata, quando si chiamava Ecofficina, per truffa, falso e maltrattamenti dai magistrati di Rovigo e Padova.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: