Skip to content

QUESTI SONO GLI EFFETTI DELLA “BUONA POLITICA” SERRACCHIANI !!!!

3 gennaio 2017

safe_image849528819

 

da  Messaggero  Veneto   03 gennaio 2017

 

Donna muore d’infarto per l’ambulanza negata, via all’indagine

Maniago: verifica interna all’Aas dopo la morte di Lira Spiri, lo scorso 30 dicembre

di Fabiano Filippin

 image

MANIAGO. E’ stata aperta un’indagine interna all’Azienda per l’assistenza sanitaria 5 del Friuli occidentale per chiarire la dinamica della morte di Liri Spiri: la donna di 66 anni è deceduta nel tardo pomeriggio di venerdì, 30 dicembre, sulla soglia dell’ospedale di Maniago dopo che le era stato rifiutato l’invio a domicilio dell’ambulanza .

I familiari della maniaghese hanno già annunciato l’imminente presentazione di un esposto alla procura della Repubblica di Pordenone per capire se la congiunta si sarebbe potuta salvare nel caso fosse sopraggiunta tempestivamente un’automedica.

Lunedì mattina, 2 gennaio, il direttore generale dell’Azienda per l’assistenza sanitaria, Giorgio Simon, era fuori sede e non aveva ancora ricevuto la relazione sull’accaduto da parte del personale medico e infermieristico coinvolto nell’episodio.

Bocche cucite sino all’esito delle verifiche interne anche da parte della dottoressa Paola Toscani, responsabile del pronto soccorso. Per il momento, si sa soltanto che la donna sarebbe stata stroncata da un infarto cardiocircolatorio mentre cercava di raggiungere con le proprie gambe il nosocomio della cittadina delle coltellerie. Quattro fra dottori e infermieri hanno cercato di strapparla alla morte per più di mezz’ora, praticandole le manovre d’emergenza.

Nel mentre si svolgono gli accertamenti, ieri pomeriggio tante persone hanno dato l’estremo saluto alla sessantaseienne. Nel duomo di Maniago si sono radunate decine di conoscenti e parenti, alcuni dei quali arrivati dall’Albania per la cerimonia. Numerosi anche i colleghi e amici del marito e dei tre figli e dei nipoti di Liri Spiri, tutti ben integrati nella comunità locale. La donna si era insediata nella cittadina molti anni fa, dopo esser emigrata con la famiglia dalla terra delle aquile dove lavorava in un’azienda del settore tessile. Avrebbe compiuto 67 anni il 19 maggio.

La disgrazia si è consumata alle 17 del 30 dicembre durante un attacco di febbre e difficoltà respiratorie. Secondo la ricostruzione della figlia Ariana, che presto sarà vagliata dagli inquirenti, la prima telefonata al 118 sarebbe partita attorno alle 16.50. L’operatore della sala emergenze avrebbe però ritenuto trattarsi dei postumi di una brutta influenza e invitato i congiunti ad allertare il medico di base. In attesa dell’arrivo del dottore, le condizioni della donna, già affetta da altre patologie, sarebbero ulteriormente peggiorate. Caricata in auto dalla figlia, la Spiri è stata colta da infarto all’ingresso del pronto soccorso, distante una manciata di chilometri dalla propria abitazione. Erano circa le 17.40. Il decesso è stato dichiarato alle 18.15. L’episodio sta facendo discutere molto sui social network i residenti nel mandamento, dopo anni di battaglie per il potenziamento del presidio sanitario di Maniago.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: