Skip to content

E’ ORA DI RIPULIRE L’ ITALIA DA QUESTI DELINQUENTI !!!!

19 dicembre 2016

da  IL  GIORNALE.IT

 

L’orrore rom su una ragazza: stupro simultaneo di gruppo

Arrestati sette rom a Frosinone. La ragazza di 20 anni picchiata e violentata dai nomadi per oltre 20 minuti

L’arresto è scattato stamattina all’aba. Sono serviti 35 militari dell’Arma dei carabinieri di Anagni (Frosinone) per portare a termine le misure cautelari, emesse dal Gip del tribunale di Frosinone, nei confronti di 7 nomadi che vivono nel campo rom di Anagni.

Gli indagati sono considerati responsabili della violenza sessuale di gruppo nei confronti di una ragazza italiana. I particolari della vicenda sono raccapriccianti.

A rivelarli è il quotidiano online locale, Frosinone web. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, nel settembre scorso una ragazza di 22 anni di Castro dei Volsci sarebbe stata avvicinata con un social network da uno dei ragazzi della gang di rom. Dopo lo scambio di alcuni messaggi, i due decidono di incontrarsi più di una volta. L’ultima, però, è fatale. Il 3 settembre scorso la giovane e il ragazzo escono in compagnia di un amico di lui. Si tratta di una trappola. La accompagnano a Ferentino dove li attendono altri cinque componenti del gruppo di nomadi per mettere in atto la tremenda violenza sessuale.

Botte, calci pugni e poi lo stupro che, secondo quanto riportato dal sito locale, è stato “a turno e contemporaneamente”. Otre 20 minuti di orrore. Solo in un momento di distrazione degli aguzzini riesce a scappare e a nascondersi dietro il casolare, prima di essere nuovamente raggiunta da uno degli indagati. La ragazza si libera di lui con un calcio e raggiunge una casa vicina, dove una donna ne raccoglie le lacrime e informa i carabinieri.

Da qui è partita l’indagine che ha portato all’emissione di misure cautelari ai danni di 7 rom. Di questi 5 sono stati arrestati questa mattina, mentre altri due sarebbero ancora ricercati. I nomadi sono tutti compresi tra i 20 e i 35 anni. Quasi tutti vantano precedenti per stupro, estorsione, usura, rapina, ricettazione, riciclaggio, spaccio di droga e istigazione a delinquere.


“La bancarella non a norma”. E l’ambulante pesta il vigile

Per scongiurare il sequestro della mercanzia, l’uomo ha colpito al volto un agente della municipale di Salerno. Fermato dai carabinieri, è stato denunciato

Aggredisce il vigile urbano che vuole sequestrargli la bancarella, denunciato un venditore ambulante di nazionalità senegalese a Salerno.

I fatti si sono svolti nel tardo pomeriggio di ieri, sul lungomare della città quando i caschi bianchi si sono fermati a controllare l’improvvisato “punto vendita” dell’ambulante africano. Dopo i primi controlli, ai vigili è apparso chiaro che la merce proposta in vendita ai numerosissimi turisti che si trovavano a passeggiare per le strade di Salerno era fuori legge. In più, l’uomo non aveva alcuna autorizzazione a svolgere la sua attività di ambulante.

Quando il senegalese ha cominciato a capire che i vigili gli avrebbero sottratto la merce, ha dato di matto e ha tentato di aggredire la pattuglia. Come riporta Il Mattino, l’ambulante prima ha iniziato a urlare e poi ha colpito al viso uno degli agenti impegnati nei controlli. L’immigrato è stato bloccato e consegnato ai carabinieri che nel frattempo avevano raggiunto il luogo dello “scontro”.

L’agente della polizia municipale è stato portato al pronto soccorso degli ospedali riuniti di Salerno. Per lui i medici hanno stilato una prognosi che parla di pochi giorni di convalescenza. L’ambulante, invece, è stato prima fermato poi condotto in caserma e infine denunciato. Non è riuscito a salvare la roba: la merce, che tanto aveva difeso, è finita sotto sequestro.


A Natale gli spacciatori regalano panettoni ai drogati

Scoperto un droga shop a Napoli. Insieme a un ingente quantitativo di cocaina, i poliziotti hanno trovato trenta panettoni da consegnare ai “clienti” più affezionati con gli auguri di Natale

Ogni azienda, grande o piccola che sia, ha sempre la buona creanza di fare un regalo di Natale alla sua clientela più affezionata.

Un cesto natalizio, carico di leccornie oppure il più classico dei panettoni da consegnare, insieme ai migliori auguri, a coloro che sostengono gli affari della ditta. Un omaggio a cui non si sottraggono oggi, come ha svelato una delle ultimissime operazioni della polizia, nemmeno gli spacciatori.

Qualche giorno fa a Napoli, nel quartiere di Forcella, i poliziotti hanno fatto irruzione in una vera e propria centrale di spaccio. Dotata di ogni servizio utile al tossicodipendente, il punto-droga (che si trovava in un appartamento al settimo piano) era dotato di una saletta per l’assunzione della “roba” appena acquistata. Ogni genere di stupefacente era disponibile per i tossicodipendenti napoletani, “protetti” (insieme ai loro spacciatori) da un sistema di videosorveglianza. Precauzione che però non è servita loro a eludere i controlli delle forze dell’ordine. Nel blitz, i poliziotti hanno scoperto e sequestrato un ingente quantitativo di cocaina, un chilo e cento grammi. E hanno stretto le manette ai polsi dei due spacciatori, rispettivamente di 28 e 36 anni. Uno dei clienti, ancora nella sala della droga quando hanno fatto irruzione i poliziotti, è stato denunciato.

È, questo, uno scenario a cui gli agenti che operano sul difficile scenario metropolitano di Napoli sono abituati. Quello che non avevano mai visto però, come riporta Il Roma, erano i “gentili omaggi della ditta” accatastati in un angolo del droga-shop. I due spacciatori avevano comprato trenta panettoni che tenevano a portata di mano, da consegnare agli “amici”. I dolci sarebbero stati destinati ai clienti più fedeli, più assidui, più remunerativi. Con tanti auguri di buon Natale.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: