Skip to content

ZARINA, QUESTO E’ UN BUON MOTIVO PER PIANGERE……. !!!!

16 dicembre 2016

CONTINUATE,  CONTINUATE  A  PENSARE  A  NEGRI  E  STRACCIONI  DI  TUTTO  IL  MONDO…….. MALEDETTI  COMUNISTI  IDIOTI !!!!

A Udine ci sono più di 1.000 fra pakistani e afgani mantenuti all’interno della caserma Cavarzerani…………… mentre gli italiani, possono anche svenire dalla fame…….. vero Honsell?

CHE  D I O  VI  STRAMALEDICA !!!!

Patrick di Majan

magra-profughi

da  IL  GIORNALE.IT

 

Udine, ragazza sviene in classe: viveva in condizioni di povertà

I casi di povertà sono, secondo il preside della scuola, sempre più frequenti e si cerca il dialogo con le famiglie per dare un aiuto

Stava assistendo a una lezione in una scuola media di Udine prima di svenire davanti a compagni e insegnante e di essere soccorsa dal 118.

È successo a una ragazza che, arrivata in ospedale, ha confessato di non toccare cibo da 48 ore e di essersi fatta la doccia con l’acqua fredda. “Non è la prima volta che capita: di bambini che vivono senza riscaldamento o senza un piatto caldo, o non hanno i soldi per pagare i buoni pasto della mensa ce ne sono anche a Udine, e non solo qualcuno, solo che queste situazioni non vengono quasi mai denunciate”, ha detto il preside della scuola a riguardo.

Il preside, parlando ai giornali locali, ha voluto mantenere l’anonimato sulla studentessa per tutelare la privacy della minorenne mentre ha ribadito che molte famiglie di ragazzi che frequentano l’istituto non hanno soldi per comprare cibo e vivono in condizioni di povertà: “A volte ne siamo a conoscenza e cerchiamo di dare una mano, per quanto possiamo, alle famiglie di questi minori, ma in altri casi, se i ragazzi non trovano in noi il canale giusto per parlare e confidarsi, può capitare che alcune situazioni sfuggano”.

“Non è l’unico caso che si verifica e negli ultimi anni sono, purtroppo, sempre più frequenti – ha continuato il preside –. Noi cerchiamo il dialogo con le famiglie e vogliamo aiutarle, ove possibile, ma si tratta di realtà delicate, in cui spesso anche gli stessi genitori non si affidano ai servizi per un senso di vergogna e pudore, e ignorano le agevolazioni e i supporti sui quali possono invece contare per ricevere qualche sussidio. Ci vorrebbe maggiore conoscenza di questi aspetti”.


da  notixweb

Lasciano morire gli italiani così … e poi piangono per i clandestini.

5od3kgdk

Milano: due senzatetto italiani morti in 48 ore

Milano, 53enne muore di freddo: era costretto a vivere nei giardini pubblici

Quando la persona che era con lui ha dato l’allarme, purtroppo, non c’era già più nulla da fare. I soccorritori del 118, intervenuti sul posto con due ambulanze e un’auto medica, non hanno potuto far altro che cercare di rianimarlo e poi constatare il decesso.

Un uomo di cinquantatré anni, italiano, è morto verso le due della notte tra venerdì e sabato all’interno di un parchetto pubblico in viale Ortles, all’angolo con via Calabiana.

A chiedere l’aiuto del 118 è stata una donna, di nazionalità polacca, che si trovava con la vittima al momento del decesso. Dai primi accertamenti dei carabinieri, sembra che il cinquantatreenne fosse un senzatetto che stesse trascorrendo la notte nel parchetto. Non è chiaro, però, se ad ucciderlo sia stato il freddo o un infarto dovuto a qualche patologia.

A rendere ancora più drammatico il tutto, la presenza – a pochi metri dal luogo del dramma – della casa d’accoglienza “Enzo Jannacci” del comune di Milano, dedicata proprio ai senzatetto e alle persone in difficoltà.

Soltanto venerdì mattina, un altro clochard – un italiano di circa sessanta anni – aveva trovato la morte nel rifugio di fortuna che si era costruito in via Quarenghi, zona Bonola. L’uomo era stato trovato senza vita verso le otto del mattina e – come specificato dal Comune – la sera prima era stato visitato dal 118 e aveva rifiutato un letto in una struttura di palazzo Marino. La cronaca di Milano Today

today.it

 

 

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: