Skip to content

SONO TUTTI FIGLI DI COLLEGHE………… SOLO UNA RIVOLUZIONE SISTEMERA’ LE COSE !!!!

9 dicembre 2016

15317804_10208529487140068_4777241800201537473_n

15390667_1078252268952743_7594636244500001286_n

 

da  LIBEROQUOTIDIANO.IT     09 Dicembre 2016

 

Rampolli

Bernardo Mattarella, il figlio del presidente della Repubblica verso la presidenza della Sna

1481274626099_jpg-sergio_mattarella

Nei giorni frenetici delle consultazioni per trovare un nuovo governo piovono notizie “trasversali” su Sergio Mattarella. A darne conto è affaritaliani.it, secondo cui Bernardo Mattarella, il figlio del presidente della Repubblica, sarebbe il principale favorito per la presidenza della Sna, la Scuola nazionale di alta amministrazione il cui fine è selezionare funzionari e dirigenti per il settore e provvedere alla loro formazione. Non molto conosciuta tra il grande pubblico, la Sna rappresenta una grande occasione per il figlio dell’inquilino del Colle.

 


———————————————————————————–

da  IL  GIORNALE.IT

 

Se il giustiziere di Berlusconi può fare il premier di garanzia

Allontanò il Cavaliere dal Senato brandendo la Severino come la Bibbia. E oggi vuole andare ad Arcore per accreditarsi come premier di garanzia

Doveva essere l’arbitro. Il garante di una partita complicata che applicava le regole del diritto sul campo della politica.

Pietro Grasso sciolse i nodi della storia e i grumi della cronaca nel modo più facile: si accese come un semaforo che conosce solo un colore, il rosso. Silvio Berlusconi doveva decadere e decadde. Un pulsante da schiacciare, niente di più. Il presidente del Senato brandiva la Severino come la Bibbia dall’alto della sua poltrona, imbottita di codici e codicilli. Il resto, il contesto, la ferita che si apriva nel timbrare la norma, non contava e non contò. Pochi mesi, pochissimi, fra l’estate e l’autunno di tre anni fa, per sbrigare la pratica e togliere di mezzo il Cavaliere. Tutte le questioni sollevate, sul crinale nebbioso fra sentimento popolare e volontà del legislatore, furono respinte senza se e senza ma. Da più parti, anche da autorevoli e raffinati giuristi di sinistra, si sottolineavano le possibili forzature in atto, a cominciare dall’applicazione retroattiva della Severino. Tema divisivo e controverso, per più di un tecnico una camicia di forza inaccettabile. Ma il Senato con la bava alla bocca correva e il Grasso furioso correva ancora di più, fra le proteste e le eccezioni della minoranza di centrodestra. Una pausa, una riflessione, uno stop per valutare, soppesare, consultare: l’arbitro aveva fretta di spedire in tribuna il giocatore più pregiato degli ultimi vent’anni. Un ritmo forsennato, da marcia militare, per accelerare l’espulsione. E semaforo rosso a tutte le richieste di qualunque tipo: aprire sulla retroattività sarebbe stato un tradimento della sua purezza, così apprezzata dai duri e puri della galassia grillina. No e ancora no, persino al tentativo di procedere all’esecuzione con il voto segreto, come si usa a Palazzo Madama per vicende personali, dunque delicatissime. No pure alla pausa, invocata nelle more del rimpallo in Cassazione della pena accessoria: «Non possiamo liquidare vent’anni di storia – aveva spiegato il leader centrista Pier Ferdinando Casini – come un evento criminale».

Invece Grasso spinse fuori dal sacro perimetro il Cavaliere come un prodotto scaduto, fra gli applausi di una parte e le ire dell’altra. Nessuna sintesi, nemmeno un sussulto, solo un’applicazione formalmente corretta e notarile del compito assegnatogli.

Berlusconi fu allontanato dall’emiciclo che a lungo aveva dominato e non per via popolare. Oggi lo stesso Grasso potrebbe bussare dalle parti di Arcore, accreditandosi come premier di garanzia, in equilibrio fra istanze e spinte diverse. Una metamorfosi spettacolare: per carità, il presente non è mai la fotocopia del passato, ma gli spartiti fin qui eseguiti hanno solo incupito il Paese senza riscattarne lo spirito.


15283958_10209938855645717_2153042327413760164_n

 

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: