Skip to content

DIFENDIAMOCI SUBITO O SARA’ TROPPO TARDI !!!!

9 dicembre 2016

15355610_10210225511186812_5219243766998060350_n

Ha iniziato un vecchio trombone comunista (che Dio lo stramaledica e lo mandi negli inferi) a portarci in una strada che ci porterà a fare una brutta fine . Questo è solo l’inizio, sarà sempre peggio e tutti gli straccioni delinquenti che lasciano entrare in Italia, saranno i nostri assassini, se non provvediamo subito!!!!

Continuiamo a tacere e lasciare che continuino a fare i loro porci comodi, gli attuali governanti, che se ne strafregano anche di un voto popolare o cominciamo a prenderli tutti a calci in culo per poter successivamente cacciare gli invasori dall’Italia????

IO  MI  OFFRO  VOLONTARIO .

Patrick di Majan

safe_imagehbgxgf

da  IL  GIORNALE.IT

 

“Più soldi o vi decapitiamo”: la rivolta dei clandestini a Potenza

Tre migranti arrestati nel centro di accoglienza lucano: avevano sequestrato il responsabile della struttura e un suo collaboratore: “Dateci più soldi o vi decapitiamo”

 “Dateci più soldi o vi decapitiamo“. È la protesta violenta di tre migranti, un nigeriano e due gambiani, in un centro d’accoglienza di Potenza.
I tre sono stati arrestati venerdì scorso per tentata estorsione aggravata ai danni del responsabile della società che gestisce la struttura e per resistenza a pubblico ufficiale. Chiamata da alcuni dipendenti, infatti, la polizia è intervenuta durante la rivolta: i clandestini avevano chiuso in una stanza il presidente della società e un suo collaboratore chiedendogli il denaro (“alcune migliaia di euro”) che gli avevano visto maneggiare, come racconta La Gazzetta del Mezzogiorno.

Mentre la Lucania viene letteralmente saturata di immigrati dell’Africa sub-sahariana, assolutamente non gestibili in termini di integrazione, alle zone elettorali di Marcelle Pittella spettano, invece, gli immigrati di lusso, quelli col titolo di studio“, accusa Francesca Messina, responsabile regionale dipartimento immigrazione Fdi-An Basilicata, che punta il dito contro il governatore della Basilicata, “È strano che Pittella faccia di queste discriminazioni tra immigrati di serie A e B, visto che solo pochi giorni fa il Presidente ha presentato il suo progetto per una mega-“baraccopoli” nel cuore della Lucania, per ospitare – così sembra – praticamente tutti gli immigrati che nessuno in Italia vuole più. A Lauria vanno gli immigrati meno problematici, quelli che non fanno barricate e non sequestrano le persone (come accaduto a Sasso di Castalda e Potenza), e altrove vanno tutti gli altri?”.

Intanto, secondo l’Ansa, persino il Pd ha chiesto chiarezza: il deputato dem Giovanni Burtone ha infatti richiesto “al più presto una missione in Basilicata” da parte dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione ed espulsione, nonché sulle condizioni di trattenimento dei migranti e sulle risorse pubbliche impegnate.



da  ImolaOggi

 

Senegalese occupa casa e minaccia i proprietari con coltello, arrestato

 

GENOVA, 9 DIC – Ha occupato una casa nel centro storico cittadino e quando è stato scoperto dai proprietari li ha prima strattonati e poi minacciati con un coltello. In manette è finito un uomo di 42 anni di origini senegalesi con l’accusa di violenza privata, minaccia, percosse, occupazione di edifici.

I proprietari, che risiedono all’estero, erano arrivati a Genova da poche ore trovando il loro appartamento già occupato. I due hanno invitato l’inquilino abusivo ad andare via ma l’uomo si è scagliato contro di loro e li ha minacciati con un coltello per poi scappare. I militari del nucleo radiomobile, però, sono riusciti a rintracciarlo poco distante e lo hanno arrestato. (ANSA)


Centinaia di africani forzano i controlli a Ceuta, scontri con la polizia

 

Centinaia di africani hanno scavalcato il recinto di filo spinato di confine a Ceuta, da giovedi sera e fino alle prime ore di questa mattina.

Alcuni migranti sono rimasti feriti mentre salivano sul recinto gigante che separa il Marocco dalla Spagna e sono stati soccorsi dalla Croce Rossa sul posto. Secondo la polizia, la maggior parte delle persone che hanno attraversato il confine, sono state arrestate

ceuta01

ceuta02


Questa non è immigrazione e non è salvataggio.

E’ spudoratamente contrabbando di esseri umani

Novembre, prelevati 13.740 clandestini provenienti da Nigeria e Guinea

 

BRUXELLES, 9 DIC – Sono stati 13.740 i migranti arrivati in Italia nel mese di novembre, di cui “la maggior parte cittadini di Nigeria e Guinea”. Lo rende noto Frontex, osservando che la cifra è “la metà” degli arrivi di ottobre “ma il numero è ancora più di quattro volte maggiore” di quello di novembre 2015.

Ong e contractors americani fanno contrabbando “industriale” di immigrati?

Il totale dei migranti individuati sulla rotta del Mediterraneo centrale nei primi 11 mesi dell’anno sale quindi a 173.000, “circa un quinto in più dello stesso periodo del 2015″.

A novembre, indica Frontex, “anche quando il meteo è peggiorato vicino alla costa libica, i trafficanti di esseri umani hanno continuato a costringere grandi gruppi di migranti a mettersi in mare su imbarcazioni non adatte, mettendoli in grave pericolo”. (ANSAmed).

Sembra proprio che alcune grandi ONG collaborino con i trafficanti; noleggiano appositamente delle navi e contrabbandano immigrati clandestini su scala industriale, grazie alla legislazione introdotta da Bruxelles. La guardia costiera italiana li assiste.

Le navi usate >>>>>  NGOs Armada operating off the coast of Libya

Lo scrive e documenta Gefira Foundation che ha messo sotto controllo i movimenti di 15 navi noleggiate da ONG che fanno la spola tra l’Africa e l’Italia.

Le organizzazioni coinvolte sono: MOAS, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins Sans Frontières, Save the Children, Proactiva Open Arms, Sea-Watch.org, Sea-Eye and Life Boat.

Le ONG dicono di aver preso i clandestini nel Canale di Sicilia, quando in realtà li imbarcano vicino a Tripoli. Non è salvataggio ma contrabbando di esseri umani. Risultano coinvolti anche contractors americani e le autorità maltesi.

“Per due mesi, utilizzando marinetraffic.com, abbiamo monitorato i movimenti delle navi di proprietà di organizzazioni non governative, e abbiamo tenuto traccia degli arrivi di immigrati africani.” scrive Gefira


15283958_10209938855645717_2153042327413760164_n

C’è un “cura” sola……. sia per negri che per rossi!!!!

Patrick di Majan

15284936_1336317383079247_1809155699250881980_n

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: