Skip to content

SONO DEI DELINQUENTI DA SPAZZARE VIA CON LE CATTIVE !!!!

ottobre 4, 2016

da  ImolaOggi

 

Oggi l’Italia ha prelevato oltre 5600 “migranti” e in piu’ ha regalato un milione di euro all’ONU per i “rifugiati palestinesi”

I SACRIFICI DEGLI ITALIANI BUTTATI NEL WC DAL PD

 

L’Italia regala un milione di euro all’Unrwa (ONU) per la Palestina

safe_imageonu

L’Italia ha approvato la concessione di un contributo di emergenza di 1 milione di euro a favore dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa). L’iniziativa mira a garantire continuità ai servizi essenziali e alle attività di protezione a favore dei rifugiati palestinesi nella Striscia di Gaza.

record per il debito pubblico, a luglio sale a 2.252 miliardi Renzi fa i regali all’ONU

I fondi andranno in particolare a sostegno del Programma ( “Transitional Shelter Cash Assistance”), lanciato dopo il conflitto nell’estate 2014 per assistere i rifugiati palestinesi le cui abitazioni sono state distrutte o gravemente danneggiate, attraverso la distribuzione di sussidi per sostenere le spese di affitto degli alloggi temporanei. Grazie al contributo italiano Unrwa fornirà assistenza a 2.330 famiglie. In campo educativo, inoltre, il contributo dell’Italia servirà a coprire le spese della scuola femminile del campo di Al-Maghazi, nella zona centrale delle Striscia di Gaza, per un periodo di sei mesi, garantendo il diritto all’istruzione per almeno 1.500 studentesse.

Il contributo si inserisce nell’ambito del finanziamento annuale di 10 Milioni di euro promesso dall’Italia ad UNRWA per il 2016 in occasione della Conferenza dei donatori tenutasi nell’ottobre 2015.


Le grinfie delle organizzazioni sovranazionali su Roma

Anche l’assessore al sociale di Roma Laura Baldassarre, come la Boldrini, proviene dall’ONU (Unicef)

 

Roma, assessore: “i soldi ci sono, presto nuova struttura per i migranti”

Roma – Via Cupa, l’assessore dopo lo sgombero dei migranti: “Ci sono i fondi, presto struttura”

baldassarre-unicef

Il dialogo costante ha portato all’elaborazione di un progetto comune che, sulla base di quanto già realizzato in altre città e per il quale abbiamo ottenuto i fondi necessari, creerà un posto di accoglienza permanente per i migranti transitanti. Stiamo facendo un sopralluogo per decidere dove allestirlo“. L’assessore al Sociale rompe il silenzio. Venerdì in tarda serata, a 12 ore dallo sgombero dei migranti da via Cupa, Laura Baldassarre (ex responsabile advocacy istituzionale UNICEF, ndr) lancia un messaggio sul suo profilo Facebook annunciando la svolta.

Stando alle dichiarazioni sarebbero in corso sopralluoghi per trovare un tetto agli eritrei che per mesi hanno dormito sull’asfalto. Una novità rispetto a quanto detto agli stessi volontari di Baobab Experience. I primi di settembre il tavolo di confronto con Baldassarre si è chiuso con un nulla di fatto. Ora invece, dopo l’allontanamento da via Cupa, arriva un’altra verità: “La situazione dei migranti transitanti è stata uno dei nostri temi prioritari. Nella situazione che abbiamo ereditato, fin da subito è stata evidente che l’emergenza riguarda tutte le istituzioni competenti ai diversi livelli di governo. E dobbiamo aver cura e valorizzare la solidarietà espressa da cittadini ed associazioni nei confronti dei più fragili tra i migranti“. Poi un elenco di cose fatte per l’accoglienza.

Queste le attività sin qui realizzate: abbiamo ampliato i numeri dell’accoglienza per questi migranti; garantito una presenza costante della sala operativa sociale; operato un raccordo con le altre Istituzioni (Prefettura e Questura, in particolare) per il passaggio dei migranti aventi diritto al sistema di accoglienza gestito dal Ministero dell’Interno; riattivato i soggetti firmatari del Piano di intervento socio sanitario; mentre una recente ulteriore azione è stata realizzata per ampliare i posti per l’accoglienza”. Poi sempre su via Cupa: “Centinaia di persone negli ultimi giorni dormivano a via Cupa, un numero ben superiore a quello dei “migranti transitanti”. Il nostro impegno è garantire i diritti a chi vuole legalità e giustizia sociale, evitando che situazioni di fragilità vengano strumentalizzate per finalità oscure. I migranti realmente “transitanti” sono stati accolti nelle strutture disponibili“. […]

romatoday.it

 

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: