Skip to content

CERTA GENTE ANDREBBE SOPPRESSA…….. FISICAMENTE !!!!

13 settembre 2016

I genitori non sono da meno, giustizierei anche quelli .

Io la penso così e non me ne frega una beata minchia di cosa pensano papi, preti, falsibuonisti e zecche dei miei coglioni!!!!

Patrick di Majan

 

da  IL  CORRIERE  DELLA  SERA

 

Milano, 12 settembre 2016 – 16:28

Reggio, la tredicenne violentata
«La mamma nascose gli abusi»

La ragazzina confessò quello che stava subendo in un tema a scuola «ma fu lasciata senza protezione» anche dalla famiglia, che temeva il discredito davanti al paese

di Carlo Macrì

MELITO PORTO SALVO (Reggio Calabria) I genitori di Maddalena (nome di fantasia), la tredicenne di Melito Porto Salvo stuprata per tre anni dal branco, sapevano da tempo quello che era accaduto alla loro figlia. Hanno però taciuto. La madre era venuta casualmente a conoscenza delle violenze subite dalla figlia attraverso la brutta copia di un tema che la tredicenne aveva lasciato sulla scrivania della propria stanza. Il particolare emerge dall’ordinanza che ha portato all’arresto dei giovani accusati degli abusi. La ragazzina che frequentava il Liceo delle Scienze Umane e Linguistiche a Reggio Calabria, aveva espresso in quello scritto il proprio disagio personale e familiare, soprattutto.

«Che belle cose hai scritto…»

Ai carabinieri ha raccontato come e dove ha trovato il coraggio di parlare. Dice la ragazzina: «…. fino a che un giorno a scuola la mia professoressa d’italiano ci dà un tema dove dovevamo parlare del ruolo che avevano avuto i nostri genitori nella nostra vita…. Ed io che nonostante non abbia detto niente per proteggere anche loro ero arrabbiata con loro perché comunque loro non se ne sono mai accorti di niente… cercavo di essere mai triste, mai arrabbiata… magari mi rendevo attiva in casa aiutavo molto mia madre…. Di giorno in giorno non se ne sono accorti proprio di niente … quindi ero un po’ arrabbiata con loro di questo perché comunque come fai a non accorgertene che tua figlia sta attraversando un periodo difficile, una difficoltà, niente completamente…». Dopo il ritrovamento del tema la mamma di Maddalena ha chiesto alla figlia di cosa si trattasse. E lei le ha raccontato tutto. «Io torno a casa mi viene a prendere mia madre e inizia a dirmi che belle cose che hai scritto. Io scoppio in un pianto e le racconto tutto quello che era successo, tutto… non i particolari…».

Il gip: «Vittima lasciata senza protezione»

Nonostante ciò, però, la donna non ha pensato di denunciare perché «la rivelazione dei fatti avrebbero provocato un discredito della famiglia e che forse avremmo dovuto andare ad abitare in un altro paese». Anche il papà ne era al corrente perché informato dalla figlia e dalla moglie. Decisivo, nel far emergere, la storia, è stato il ruolo della scuola frequentata dalla vittima: sono le professoresse a comprendere da dove nasce il disagio di Maddalena. Nell’interrogatorio dell’ottobre 2015, gli inquirenti hanno sentito una delle insegnanti della ragazzina. « Dopo aver percepito da alcuni scritti e atteggiamenti della tredicenne un certo disagio ho parlato con la madre la quale mi ha opposto un netto rifiuto quando le ho chiesto se potessi comunicare la notizia all’intero consiglio di classe che avrebbe così potuto attivare i previsti percorsi di legge». Le 133 pagine dell’ordinanza firmata dal gip di Reggio Calabria Barbara Bennato evidenziano il clima di omertà diffuso che ha circondato questa storia. Anche Chiara la cugina di Maddalena, cui la ragazzina aveva confidato tutto, ha taciuto. Nel tema a scuola la tredicenne aveva «dolorosamente stigmatizzato il comportamento dei genitori, distolti dalle rispettive vicende personali e conflittuali e sordi ai pur manifesti segni di disagio da lei stessa lanciati». Scrive il gip:« La ragazzina si era sentita sola, senza alcuna protezione e, pur sopraffatta dalla rabbia per l’abbandono dei genitori, si era trovata nelle condizioni di dover subire in silenzio un penoso rosario di violenze, atteggiamento paradossalmente impostole a protezione dell’incolumità degli stessi genitori, distratti ed inadeguatamente interessati alla sua crescita evolutiva».

Il poliziotto al fratello: «Di’ che non ricordi»

Maddalena negli anni bui dell’orrore causato dagli otto giovani del luogo arrestati (tra loro c’è un minore) cui si distingueva anche la figura di Giovanni Iamonte, figlio di Remigio, capo dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta, aveva cercato «rifugio» in un altro ragazzo, Antonio, 24 anni, con il quale aveva allacciato una relazione. Mal vista dal branco. Uno dei violentatori , Davide Schimizzi, che era stato il suo primo fidanzatino, non aveva tollerato l’intrusione di Antonio e organizzò una spedizione punitiva contro il ragazzo che fu costretto a interrompere la relazione con la vittima. Maddalena fu costretta ancora per qualche anno a subire la violenza dei suoi aguzzini. Negli ultimi mesi i sette violentatori avevano capito che qualcosa si stava muovendo e che qualcuno stava iniziando a parlare. Davide Schimizzi, forse impaurito chiama al telefono suo fratello Nino, agente di polizia a Milano. Nelle telefonate del 13 e 14 gennaio scorso, i due intercettati discutono della vicenda della ragazzina. « Sentimi qua ti ricordi quel fatto? Quel fatto di quella ragazza di Melito? Li stanno , ci stanno chiamando a tutti… hanno cose, stanno facendo un sacco di domande». E il fratello poliziotto: «compare può fare quello che vuole che non c’è nessun problema! Tu vai e dici che non ti ricordi niente !. Gli devi dire che quando mi chiamate in giudizio poi ne parliamo… ».

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: