Skip to content

LA PATRIA DEL FRIULI, E’ DA TROPPO TEMPO GOVERNATA DA INCAPACI PATENTATI !!!!

luglio 27, 2016

13631527_10210323469831108_311702134245234892_n

13876342_528100314060347_6521662874939744484_n

Ecco, nel Messaggero Veneto di oggi ben sintetizzata la cronaca di una normale giornata udinese…
Udine era un’oasi sicura e ora è ridotta così.
A settembre chi ama il Friuli dovrà cominciare a occuparsene: già stiamo valutando iniziative per i cittadini e contro i politici incapaci di individuare e di applicare soluzioni ai problemi.
Per le persone e contro Renzi, Honsell e Serracchiani,che hanno massacrato i Friulani e che non son certo stati la fortuna dei friulani…

 

da  TODAY

 

Le condizioni della caserma “Cavarzerani” a Udine

“Cavarzerani”, le immagini del degrado all’interno della struttura

Sporcizia, immondizie lasciate a terra, condizioni igieniche limite: questo è quanto appare da una serie di immagini scattate al centro di accoglienza per i rifugiati di via Cividale

Le condizioni della caserma “Cavarzerani” a Udine

Immondizie e rifiuti di vario tipo a terra, servizi igienici che nella migliore delle ipotesi hanno le porte divelte, acqua stagnante. Questo, in sintesi, lo scenario che si pone agli occhi di chi osserva questa galleria di immagini, scattate all’interno dell’ex caserma “Cavarzerani”, ora centro di accoglienza per i richiedenti asilo.

Le condizioni della caserma “Cavarzerani” a Udine
„Da tempo si polemizza su tutto quello che riguarda la struttura, a partire dalla sua esistenza, passando per gli ospiti della stessa – indesiderati a molti – e finendo con casi di cronaca che hanno sollevato gli istinti più bassi, oltre alle lamentele d’ordinanza.

Le condizioni della caserma “Cavarzerani” a Udine

La situazione non è semplice, si sa. La “Cavarzerani” ospita quattro volte tanto il numero delle persone per cui sarebbe predisposta e l’impegno è duro per tutte le parti in causa: per la Croce Rossa – che si occupa della gestione del centro -, per chi viene accolto, per la cittadinanza e anche per chi deve raccontare queste vicende, che ha visto scontrarsi il diritto/dovere di cronaca con un fideismo – da più parti – che non aiuta di certo a mettere mano alla gravità della vicenda.

 

 

 

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: