Skip to content

E ADESSO SMETTETELA DI ROMPERCI LE PALLE……. ZECCHE ROSSE !!!!

luglio 13, 2016

13669184_1034866623264551_4534226530182093378_n

13654418_898422040269632_7389125715472224912_n

da  ImolaOggi

 

La svolta: sei testimoni smentiscono la compagna di Emmanuel

 

rissa-Emmanuel-Chinyere

Mancini ha ammesso di aver insultato la compagna di Emmanuel, Chinyere, chiamandola “scimmia africana”. L’insulto ha provocato la reazione di Chidi Namdi Emmanuel che ha aggredito l’ultras fermano con un palo gettandolo a terra. Durante lo scontro l’italiano ha colpito il nigeriano con pugno che poi ha portato alla morte di Emmanuel. La dinamica raccontata da Amedeo Mancini ai magistrati è stata confermata prima da quella che è stata definita “supertestimone” e poi d altri 6 testimoni oculari. E’ quanto emerge dalla lettura dei verbali redatti sulle testimonianze di 8 persone (due di loro sono Chinyere e l’amico di Mancini). Nel mezzo dell’emozione suscitata dalla morte del giovane nigeriano e dalla bufera mediatica che l’ha accompagnata il Gip di Fermo Marcello Caporale non ha convalidato il fermo di Amedeo Mancini. Ma contestualmente ha disposto la custodia cautelare in carcere dell’ultras che era indagato per omicidio preterintenzionale aggravato dall’odio razziale.

L’unica versione differente è quella di Chinyere, ma non è ritenuta attendibile. Secondo la nigeriana,  Mancini avrebbe aggredito suo marito. “L’uomo bianco afferrava un segnale stradale… E con tale arnese colpiva mio marito all’altezza della testa lato posteriore al contempo gli dava calci alle gambe. Quindi Emmanuel è caduto all’indietro”, ha detto ai magistrati. Non solo, durante la colluttazione Chinyere avrebbe colpito l’italiano con una scarpa mentre l’amico di Mancini cercava di dividere i due uomini.

Il Fatto Quotidiano riporta altri stralci dei verbali dei testimoni. Emmanuel “afferrava il cartello stradale con base circolare di ferro e lo scaraventava contro Mancini colpendolo e facendolo cadere a terra”. “Mentre l’uomo di carnagione bianca si stava rialzando, l’uomo di colore cercava di colpirlo con i piedi mentre la donna cercava di colpirlo brandendo la scarpa”. “Ho visto l’uomo di colore che indirizzava all’altro calci e manate in faccia e la donna lo aiutava con una scarpa. Poi l’uomo bianco ha colpito l’uomo di colore che cadeva a terra”. Recitano le carte. Altro dato importante: le prime due testimoni giunte sul luogo non si conoscevano e quindi non possono aver concordato la versione fornita all’arrivo dei vigili.
Il professore: “Forse il Gip ha ceduto alla pressione mediatica”

Si discute intanto sulla decisione del Gip che non ha convalidato il fermo, ma ha lasciato Mancini in carcere. L’italiano ha alle spalle una condanna definitiva per rissa aggravata, precedenti di polizia per lesioni dolose, e tre Daspo per reati commessi allo stadio. Il provvedimento di fermo era motivato dal pericolo di fuga. Secondo il professore Gustavo Pansini il magistrato ha ceduto alla pressione mediatica che ha suscitato la morte di Emmanuel. “Sembra che il gip sia stato influenzato dal fatto che se avesse scarcerato Mancini sarebbe successo un putiferio”, ha detto Pansini. Tecnicamente è corretto il mancato fermo (perché non ci sarebbe il pericolo di fuga) ma la custodia cautelare in carcere “non perché è pericoloso per il suo razzismo violento, ma perché non è in grado di reagire alle (eventuali) provocazioni”.

redazione riscali

Advertisements

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: