Skip to content

IO SONO IO E VOI NON SIETE UN C…. !!!!

luglio 8, 2016

IL  POPOLO  NON  DEVE  DEMOCRATICAMENTE  ESPRIMERSI  SULLE  PORCHERIE  CHE  FA  IL  P D  E  LA  SUA  CIURMA…….. CHI  E’  STATO  IN  GALERA  PER  CORRUZIONE,  QUELLO  SI  PUO’  SEDERSI  SUI  BANCHI  DEL  CONSIGLIO  REGIONALE……!!!!

Patrick di Majan

 

da

cropped-Testata-Nuova-ok

 

CHIUSI IN TRINCEA

6 luglio 2016

Ieri il Consiglio regionale del FVG ha stroncato sul nascere tre referendum di iniziativa popolare, esprimendosi negativamente sulla loro ammissibilità: due di questi tre referendum erano abrogativi (della legge sanitaria e della riforma delle UTI) ed uno propositivo, ossia per l’istituzione delle Province autonome di Udine e Trieste sul modello di Trento e Bolzano.

La maggioranza di Debora Serracchiani, con l’appoggio di qualche “ininfluente stampellina”, ha deciso di negare ai cittadini del FVG di esprimersi democraticamente sulle tre suddette materie, in particolare su due riforme (sanità e UTI), che nei prossimi tempi faranno sentire in modo significativo i loro effetti sulla comunità regionale.

Il problema è più politico di quanto si possa credere, e molto meno tecnico di quanto abbiano cercato di dimostrare alcuni consiglieri intervenuti nel dibattito per difendere la linea della maggioranza. E’ vero che le normative che regolamentano l’istituto referendario popolare sono diventate con il tempo sempre più complesse e penalizzanti ai fini dell’ammissibilità dei quesiti; è tuttavia altrettanto vero che rimane comunque facoltà dell’assemblea legislativa, lasciare che i cittadini si esprimano.

Proprio quest’ultima è stata l’opportunità persa (elusa) dalla maggioranza di Debora Serracchiani ! Se sono ed erano così sicuri della bontà delle loro riforme (come quotidianamente i giornali locali di regime cercano di inculcarci), perché hanno negato al popolo il diritto di esprimersi su di esse? E poi, un vantaggio l’avrebbero avuto: mica è così facile, per i sostenitori di qualsiasi referendum, portare alle urne il 50% +1 degli aventi diritto di voto…

Siccome stupidi non sono, hanno capito molto bene l’effetto devastante che provocheranno sul piano pratico le  riforme sulla Sanità e sulle UTI, sulle quali hanno sempre evitato con astuzia il leale confronto. Immaginiamoci, quindi, quanto ancor più scomodo sarebbe stato per loro che i cittadini della regione avessero continuato, per il tempo che rimane di questa legislatura, a parlare e riflettere su queste materie  a causa degli inevitabili dibattiti referendari!

Ecco perchè ieri, anche di fronte al popolo che li ha votati,  han deciso di “chiudersi in trincea”.

Franco Baritussio

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: