Skip to content

MA SIAMO PROPRIO TUTTI DEI CRETINI……????

giugno 30, 2016

13501809_863661493777946_3899143288017820092_n

I cinesi per dei controlli amministrativi si ribellano, gli extracomunitari per assenza di Wi-Fi bloccano strade, violenze sessuali all’ordine del giorno, furti e rapine non si contano più e noi come reagiamo? Cerchiamo puttane per sollazzarli e farli sentire amati!

Ma tutto va bene, le statistiche lo confermano …W l’Italia…W l’Europa, vero?

NO, NON  E’  VERO……… dobbiamo prendere a calci in culo tutti i TRADITORI  della PATRIA, cancellare dalla storia la sinistraglia bugiarda e ladra, cacciare via tutti i clandestini e inquadrare per bene i regolari……. alla prima cazzata, RAUS !!!!

Patrick di Majan

13501686_465483086955565_4252468887096657835_n

13494841_319995961665193_6843827993512427900_n

da  IL  GIORNALE.IT

 

Sesto Fiorentino, arrestati due cinesi per la rivolta contro i controlli

Arrestati il titolare dell’azienda sottoposta ai controlli dell’Asl e un suo connazionale. Ma non si placa la rabbia dei cinesi di Sesto Fiorentino

La protesta delle comunità cinesi di Sesto Fiorentino, degenerata in uno scontro con la polizia, si è conclusa con due arresti per resistenza a pubblico ufficiale.

Uno dei due arrestati è il titolare dell’impresa sottoposta ai controlli dell’Asl che ha tentato di impedire l’ispezione, l’altro è un suo connazionale che avrebbe impedito l’uscita dei mezzi e delle ambulanze accorse sul posto per prestare i primi soccorsi agli agenti aggrediti nel capannone dell’impresa.

La Digos sta cercando di chiarire la dinamica dei fatti. La protesta era incominciata alle 18 di ieri sera quando 300 persone della comunità cinese della zone si sarebbero asserragliate all’interno di un capannone durante i controlli dell’Asl. “Un controllo di routine”, hanno fatto sapere dall’Azienda sanitaria locale, che rientra nel piano varato in accordo con la Regione e con le forze dell’ordine.

Gli animi si sarebbero scaldati dopo la caduta di un bambino di dieci mesi dalle braccia del nonno. Il piccolo sarebbe stato usato come scudo secondo gli agenti, mentre secondo la ricostruzione della comunità cinese, il bambino sarebbe stato fatto cadere da un carabiniere. La situazione da lì in poi è degenarata. Un gruppo di cinesi avrebbe chiuso i cancelli del capannone impedendo l’uscita degli agenti e delle autoambulanze, che sarebbero state prima fatte entrare e a cui poi sarebbe stata impedita l’uscita.

Sesto Fiorentino, tensione tra 300 cinesi e gli agenti

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: