Skip to content

QUANDO IL POTERE E’ PRESO A SBERLE DA UN POLIZIOTTO…….!!!!!

giugno 18, 2016

COSA  ASPETTANO  LA  POLIZIA  E  I  CARABINIERI,  BISTRATTATI  DA  CIALTRONI  GOVERNATIVI  FUORI  DI  OGNI  MISURA,  A  UNIRSI  AL  POPOLO  E  FARE  UN  PO’  DI  PULIZIA  IN  ITALIA ????

Patrick di Majan

 

da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

francia

18/06/2016 11:50

Hollande umiliato: insubordinazione in diretta

Alla cerimonia in memoria di due agenti uccisi da un terrorista, un agente si rifiuta di stringere la mano al presidente e al premier Valls

Hollande umiliato: insubordinazione in diretta

Che la popolarità di François Hollande sia sotto i tacchi, era cosa nota. Ma la Francia, Paese che sa ancora partorire uomini fieri, non si limita di dimostrarlo soltanto via sondaggio. Ed ha del clamoroso quanto avvenuto ieri. A Parigi si stava svolgendo una cerimonia nazionale in memoria della coppia di poliziotti uccisa da un uomo lunedì scorso, in periferia. Profluvio di parole, retorica e “vi siamo vicini” rivolte dal presidente verso le forze dell’ordine armate, schierate per l’occasione. Poi l’inquilino dell’Eliseo è sceso dal palco, ed è scoppiato il caso. Un agente si è rifiutato di stringere la mano a Hollande, che stava passando in rassegna volgendo la destra alle forze schierate. Impettito, sguardo fieri davanti a sé, il poliziotto ha ostentatamente ignorato il passaggio di quello che dovrebbe essere il suo comandante in capo. Il quale per qualche secondo, nel comprensibile imbarazzo generale, è rimasto con la mano sospesa per aria, per poi rassegnarsi e proseguire. L’uomo protagonista della scena, un agente in borghese, ha evitato di salutare anche Manuel Valls, arrivato pochi secondi dopo. Chiaro il suo “no” con la testa al primo ministro che, seccato, ha iniziato un confronto. Cosa gli abbia detto il suo interlocutore non ci sono testimonianze a raccontarlo. Certamente però devono aver pesato non poco le cronache degli ultimi giorni, con forze dell’ordine bersagliate (anche con molotov) in tutta la Francia da giovanotti dei centri sociali che si infiltrano nei turbolenti cortei contro la loi travail, il jobs act italiano; azioni sempre più sfacciate dei seguaci dell’Isis, lasciata libera di proliferare sul territorio nazionale; e pessima gestione dell’ordine pubblico in un avvenimento come gli Europei di calcio. Insomma, a parte quello di Hollande, c’era solo l’imbarazzo della scelta…

Robert Vignola


From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: