Skip to content

DAI SU…….. C’ E’ ANCORA QUALCHE RAPPRESENTANTE DEL P D A PIEDE LIBERO !!!!

giugno 11, 2016

da  ImolaOggi

13393921_1143265729078952_1288735853291779639_n

 

Un governo abusivo, illegittimo, incostituzionale, composto da indagati, condannati, ladri e corrotti, come da format dei regimi autoritari vuole mettere il bavaglio alla libertà di espressione e di stampa.
In un Paese che si dice democratico l’informazione è al 77° posto della classifica mondiale. In un Paese che si dice democratico l’informazione deve essere libera al fine di assicurare ai cittadini un’informazione corretta e imparziale. Belle parole e gran verità. Ma l’informazione come può essere libera se vieni continuamente tenuta sotto pressione da minacce di querele o da querele e da minacce di reclusione o peggio ancora da minacce di morte?

——————————————————————–

“In un Paese democratico l’informazione deve essere libera da lacci e laccioli, ma come potrebbe esserlo se le minacce di reclusione e le querele inficiano inesorabilmente il lavoro dei giornalisti? In queste condizioni non è possibile assicurare ai cittadini un’informazione corretta e imparziale”

 

Il Governo vuole mettere il bavaglio alla stampa libera e tutela quella allineata?

 

Libertà di stampa e diritto d’informazione: no al carcere per i giornalisti. Codici: i pilastri della democrazia vanno tutelati! Il Governo vuole mettere il bavaglio alla stampa libera e tutela quella allineata??

censura

(Codici) – L’Associazione Codici “centro per i diritti del cittadino” scende in campo per partecipare alla “manifestazione per dire no al carcere per i giornalisti” che si terrà il 15 giugno c.m. dalle ore 16 alle 19 sotto l’obelisco di Montecitorio. In una società che si possa definire veramente democratica, la libertà di stampa e il diritto d’informazione non possono essere condizionati dalla minaccia pendente sulla testa dei giornalisti di querele per diffamazione mezzo stampa, reato che prevede non solo la sanzione pecuniaria e la possibile richiesta risarcitoria, ma anche il carcere fino a 6 mesi.

Così per sensibilizzare l’opinione pubblica e stimolare il Parlamento all’approvazione di una legge (ferma ormai da 3 anni) per la depenalizzazione dello stesso reato, alcuni giornalisti sono scesi in campo costituendo un comitato organizzativo che ha deciso di agire dopo un evento, a dir poco increscioso, che è stato definito come “la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. La Commissione di Giustizia del Senato, in opposizione con la norma precedentemente menzionata, ha tentato di inserire nel Disegno di Legge per “il contrasto alle intimidazioni ai danni degli amministratori locali” una legge che prevedeva l’incremento dal 30 al 50% per la pena detentiva per il reato di diffamazione a mezzo stampa! La norma è stata stralciata dopo aver sollevato il problema, nonostante resti in vigore tutto l’apparato di regole che effettivamente soffoca la libertà di stampa!

“Il problema è quello di un’informazione che per sostenere un vero Paese democratico deve essere imparziale e libera da lacci e laccioli, ma come potrebbe esserlo se le minacce di reclusione e le querele inficiano inesorabilmente il lavoro dei giornalisti? In queste condizioni non è possibile assicurare ai cittadini un’informazione corretta e imparziale che possa essere un effettivo servizio di utilità pubblica. Noi come associazione di consumatori facendo spesso denuncia a tutela degli stessi, non possiamo che essere solidali con i giornalisti e per questo scenderemo in campo al loro fianco.” Dichiara Ivano Giacomelli del Codici. AGI

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: