Skip to content

IL TEMPO E’ GALANTUOMO……. E I COMUNISTI, RIMANGONO DELLE PORCHERIE !!!!

giugno 1, 2016

13346662_1037256086368355_8176672005411314365_n

FRANCESCO  STORACE, che io ho il piacere di conoscere personalmente, è stato ASSOLTO dal reato di lesa maestà…………. quale maestà poi, NAPOLITANO????

Lo stesso NAPOLITANO che a mio avviso è stato quello che ha trasformato l’Italia da un paese democratico in un regime comunista…..????

Lo stesso  NAPOLITANO  che ha dichiarato che chi voterà NO al referendum sulla costituzione di ottobre lo offende?????

Io voterò NO, anche se si trattasse non solo di offenderlo, ma anche di sputargli sul muso!!!!

FRANCESCO  STORACE, quando era Ministro della Sanità, appena ha ricevuto un avviso di garanzia (è stato assolto definitivamente dopo sette anni) si è dimesso dall’incarico!!!!!

Non mi risulta abbia fatto la stessa cosa chi l’ha mandato alla sbarra per il reato di lesa maestà…… tale  CLEMENTE  MASTELLA…….!!!!!

Caro Francesco, anche se sei stato assolto, il fatto che Tu sia stato processato per un reato che dovrebbe essere stato cancellato 70 anni fa,  dal momento che l’Italia è diventata da monarchia a repubblica nel lontano 1946, rimane una autentica  VERGOGNA !!!!!

Patrick di Majan

13342946_1206113936132601_6971961581761886638_n


da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

01/06/2016 16:32

PROCESSO PER VILIPENDIO: “IL FATTO NON COSTITUISCE REATO”, ASSOLTO STORACE

PROCESSO PER VILIPENDIO: "IL FATTO NON COSTITUISCE REATO", ASSOLTO STORACE

 


da  IL  GIORNALE.IT

Vilipendio, Storace assolto: “L’indegno era Napolitano al Colle…”

Il leader della Destra assolto in appello dall’accusa di vilipendio del capo dello Stato. “L’indegno era quello che stava al Colle…”

Assolto dall’accusa di vilipendio del capo dello Stato “perché il fatto non costituisce reato”.

 

La prima sezione penale della Corte d’appello di Roma ha assolto Francesco Storace dal reato di offesa all’onore e al prestigio del presidente della Repubblica. Il leader della Destra era finito nei guai per le dichiarazioni rese il 13 ottobre del 2007 nei confronti dell’allora capo dello Stato Giorgio Napolitano.

“Indegno era chi stava al Colle. L’ennesima assoluzione della mia vita fa anche giustizia in favore del diritto alle opinioni”. Storace, alla lettura della sentenza, accolta con applausi da chi ha assistito al processo, era in aula ed è stato abbracciato dai suoi collaboratori. “Mi spiace solo per quanti soldi siano stati spesi per responsabilità dell’allora ministro Clemente Mastella che autorizzò questo sciagurato processo”, ha chiosato con soddisfazione. In primo grado era stato condannato a sei mesi di reclusione e la conferma di quella sentenza era stata sollecitata oggi dal sostituto procuratore generale. I fatti per i quali il leader della Destra era finito a giudizio sono legati all’iniziativa dell’allora senatrice a vita Rita Levi Montalcini che contribuì con un suo voto a non far cadere il governo guidato da Romano Prodi. Un’iniziativa criticata aspramente sul blog di Storace ma non a lui direttamente riconducibile. Napolitano, pochi giorni dopo, ricevendo al Quirinale degli studenti, definì “indegno” l’attacco alla scienziata, scatenando a quel punto il commento dello stesso Storace che proprio in quei giorni aveva presentato un disegno di legge finalizzato ad eliminare la figura dei senatori a vita. “Giorgio Napolitano – disse Storace – non ha alcun titolo per distribuire patenti etiche. Per disdicevole storia personale, per palese e nepotistica condizione familiare, per evidente faziosità istituzionale. È indegno di una carica usurpata a maggioranza…”.

All’indomani del voto con cui il Senato si espresse per l’insindacabilità delle opinioni manifestate da un parlamentare nei confronti del capo dello Stato, Storace scrisse “una lettera rispettosa” a Napolitano, scusandosi per “i toni e i contenuti” di quelle dichiarazioni e dicendosi disposto a un incontro per manifestare a voce il proprio dispiacere. E giorni dopo, Storace fu ricevuto dal presidente della Repubblica per un colloquio di quasi due ore. Il Quirinale, a quel punto, con una nota, dichiarò chiuso l’incidente, che invece è proseguito a livello giudiziario. “Evidentemente si poteva dire indegno a un presidente della Repubblica fazioso”, ha commentato Storace annunciando che in serata non andrà al Colle per la cerimonia del 2 giugno: “Non voglio vedere Napolitano. S’ingozzino loro”.

Advertisements

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: