Skip to content

QUESTA E’ LA SINISTRA……. IO, LA CHIAMO PORCHERIA E VERGOGNA !!!!

maggio 30, 2016

da    IL  POPULISTA

 

Mentre 200 famiglie vivono nei container

Le priorità del PD: 600.000 euro per la moschea di Mirandola

La Regione governata dai rossi sovvenziona la moschea insieme al Qatar. Ma per gli emiliani costretti a vivere nei container a 4 anni dal terremoto non ci sono i soldi

Marco Dozio

di Marco Dozio

– 29 Maggio 2016 alle 21:46

 1464354615348_jpg--le_priorita_del_pd__600_000_euro_per_la_moschea_di_mirandola

In Emilia 200 famiglie vivono ancora nei container a 4 anni dal terremoto. Eppure la Regione governata dal PD ha trovato i soldi per sovvenzionare con 600mila euro la costruzione della nuova moschea di Mirandola, inaugurata mercoledì. Evidentemente gli emiliani lasciati soli a se stessi, sofferenti, vergognosamente dimenticati nei container non sono una priorità per il PD.

Meglio finanziare una moschea in coabitazione con il Qatar, che ha sganciato i restanti 400mila euro su richiesta della comunità islamica locale. Secondo quanto riporta la Gazzetta di Modena, si tratta di una costruzione antisismica affidata dalla comunità islamica a un’impresa gestita da un nordafricano. Per le case antisismiche da riassegnare agli emiliani costretti nei container, ripassare la prossima volta.


INVECE  QUESTE, SONO  “CULTURE”  TANTO  CARE  ALLA  TERZA  CARICA  DELLO  STATO……!!!!!

Patrick di Majan

da  ANSA.IT

 

Bimbo di un mese circonciso in casa, muore in ospedale

A Torino, era stato portato d’urgenza

Un' ambulanza interviene sull'incendio alla fabbrica Lafumet di Villastellone (Torino), 26 marzo 2012 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

ANSA

 

Un bimbo ghanese di un mese è morto in ospedale, oggi a Torino, dove era stato portato d’urgenza, dopo avere subito un arresto cardiaco a pochi giorni dalla circoncisione cui era stato sottoposto in casa. Il bimbo era stato soccorso in un appartamento in Barriera di Milano, in un quartiere periferico della città.

Il bimbo era stato portato all’ospedale Maria Vittoria dopo una richiesta di aiuto al 118 giunta da un ex scuola occupata, dove vivono un centinaio di famiglie senza casa o sotto sfratto, che si riconoscono nello ‘Spazio popolare Neruda’. In quell’edificio, in via Ciriè 7, un tempo sede dell’istituto tecnico ‘Casale’, era arrivata ieri sera, portando il bimbo febbricitante, la coppia ghanese, che dimora altrove a Torino. E lì i genitori ed il loro piccolo hanno trascorso la notte. “Avevano circonciso il figlio ieri, poi l’avevano bendato con una garza e gli avevano somministrato una Tachipirina”, racconta un occupante dello spazio Neruda.

 

 

 

Advertisements

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: