Skip to content

AHAHAHAHAHAH……… SE SI CURA BENE VERRA’ A MIGLIORARE MA MAI A GUARIRE !!!!

26 aprile 2016

Ne consegue quindi che i partigiani erano gli immigrati clandestini dell’epoca?

L’Anpi non si indigna?

Gianni Candotto

da  LIBEROQUOTIDIANO.IT          25 Aprile 2015

 

Paragoni azzardati

La Boldrini: “I migranti che arrivano da noi come i partigiani”

1429975741344_jpg--

 

Terzomondismo, terzomondismo. E’ più forte di lei. Proprio non ce la fa a trattenersi. Laura Boldrini, a lungo commissaria per i profughi alle Nazioni Unite, ha colpito anche questa volta. D’altra parte, con le stragi dei migranti nel Mediterraneo, questo è il momento in cui si sente chiamata sempre in causa. Tanto da infilare i suoi “adorati” profughi, o “migranti”, come piace chiamarli alla sinistra, persino nel 25 Aprile. Quei giovani “che arrivano anche sulle nostre coste, che avrebbero preferito stare a casa loro ma non hanno questo privilegio, molti di loro oggi sono partigiani nel loro paese” ha detto la presedente della Camera. Ora, fare un paragone tra i profughi perseguitati nel loro Paese che sbarcano da noi e i partigiani che ci liberarono dal nazifascismo non è solo un paragone storicamente azzardato. Ma è anche un’ingiustizia nei confronti di quei nostri partigiani. Che, diversamente da quanto fanno i profughi che sbarcano da noi, non fuggirono dal loro Paese (l’Italia). Ma vi rimasero, anche a costo della vita, proprio per sconfiggere l’occupante nazista e dare una nuova libertà all’Italia.


13051743_1680176798912105_4495352976886552466_n

13012890_10153695081147842_1889073556884296609_n


da  R N QUOTIDIANO

 

L’ignoranza della Boldrini: “il fascismo voleva solo mogli e madri senza alcun ruolo sociale”

 

“Il fascismo voleva le donne mogli e madri, non dovevano avere un ruolo sociale” La Camera così com’è non piace a Laura Boldrini. Quei corridoi pieni di mezzibusti con le grandi personalità che hanno dedicato la propria vita alla costruizione dello Stato italiano sin dal Risorgimento secondo la Boldrini sono una grande ingiustizia: “In questo Parlamento non c’è uno spazio dedicato al percorso femminile nelle istituzioni rappresentative” ha detto agli Stati generali al femminile dell’Anci, l’associazione dei Comuni. Ormai non c’è neanche più da stupirsi, le priorità della quarta carica dello Stato girano sempre sugli stessi argomenti, ripetitivi e anacronistici, manco fossimo ancora ai tempi delle Suffragette. Il vero ruolo delle donne nel fascismo che Boldrini ignora Così la Boldrini tira fuori dalla borsetta l’idea del secolo, che siamo sicuri rivoluzionerà l’agenda politica ed economica del Paese: “le donne che ci portarono al voto sono state purtroppo dimenticate – ha tuonato – dico in anticipo che alla Camera faremo una sala dedicata alle donne: la prima donna sindaca, la prima donna deputata, la prima donna ministra. Lo faremo proprio in occasione del settantesimo anniversario del voto alle donne”.

LIBERO

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: