Skip to content

DISPENSATORI DI MORALE E DI VALORI…….. PEZZENTI !!!!!

aprile 20, 2016

13043280_254037244944811_723648396594867849_n

Sono dei miserabili. In uno stato democratico dovrebbero stare in galera!!!!!

Patrick di Majan

13015388_10206564017765266_682098002380060549_n ANCHE  VIGLIACCHI !!!!

http://www.anpiudine.org/la-vignetta-dellanpi-di-udine/)

12998603_1016584901762319_8866988967542067876_n


ECCO  CIALTRONI,  VI  RISPONDE  IL  CAMERATA  MARCO  VANNUCCI !!!!

 

Un caffè con l’Imam, l’amaro con i compagni.

Pubblicato su 20 Aprile 2016 da Marco Vannucci

ob_5671e1_con-l-imam

Dunque, ho intervistato l’Imam. Anzi, due Imam poiché sono arrivati tutti e due, al Caffè Letterario organizzato dall’associazione che rappresento: Alì Abu Shwaima e Pasquini, l’Imam di origine italiana nato a Fiume. Sapevo benissimo che mi sarei attirato gli strali dei benpensanti ma sono andato dritto per la mia strada, soddisfare la curiosità culturale non ha prezzo ed il sottoscritto, da sempre, cerca di capire in prima persona e non per sentito dire oppure perché indicizzato da una politica opportunista. Chiaramente esistevano le regole d’ingaggio, noblesse oblige quando si contattano determinati personaggi, già tanto se non hanno preteso di conoscere le domande prima dell’incontro e per chi mastica il “mestieraccio” sa bene che quasi sempre è così. Nel caso specifico l’unico appunto stava che non dovevo replicare alle loro risposte ma passando alla domanda successiva, avevo accettato di buon grado per impedire di buttarla in caciara e soprattutto perché confido sull’intelligenza del pubblico, capace di dedurre da solo se le risposte sarebbero state soddisfacenti oppure non. Così è andata. Le domande sono state tante, ficcanti ma mai aggressive, gli Imam hanno risposto secondo i loro criteri e il loro modo di vedere le cose, d’altronde io non dovevo convertire loro e loro non dovevano convertire me, che diamine! Si sono toccati tutti gli argomenti d’attualità, nessuno escluso, dalla Siria alla striscia di Gaza, dall’Arabia Saudita al Pakistan non tralasciando l’universo femminile ed il mondo gay per concludere tra la guerra tra Sciiti e Sunniti fino al terrorismo dell’Isis. In molti casi l’Imam s’è aggrappato al Corano, in altri ha sviato, in altri ancora ha cambiato completamente il senso della domanda o negando l’esistenza di stati arabi teocratici e dunque soggetti alla volontà dell’Islam sopra ogni cosa. Malgrado non fossi d’accordo con le sue risposte, eccetto l’abolizione delle Moschee non controllate, un dialogo con l’Islam moderato sarebbe possibile al patto che aiutino lo Stato italiano a sconfiggere il terrorismo isolando e segnalando i fondamentalisti assicurandoli alla giustizia italiana. Degna di nota la domanda sull’immigrazione incontrollata e che noi, come nazione ridotta in povertà dalla crisi economica, non siamo più in grado di sopportare. Se i vostri politici rubassero meno, la risposta dell’Imam, sareste tutti ricchi. Su questo, il religioso, tutti i torti non ha. Casomai il torto lo hanno, eccome se si, quando invitano i loro fedeli a votare a sinistra credendo che sia l’ideale politico adatto a salvaguardare i loro interessi, sbagliato! Conoscessero il comunismo saprebbero che laddove, i compagni, hanno governato (governato si fa per dire, tiranneggiato è la definizione più giusta) è stata proibita ogni forme religiosa abbattendo chiese e moschee. Non si lasci ingannare dall’opportunismo, Imam, glielo suggerisce un fascista che l’ha intervistato con garbo. Con garbo e rispetto secondo i canoni del fascismo, quello vero, quello proletario e della parità dei diritti per tutti. Laici e religiosi. E non si lasci nemmeno ingannare con chi non abbiamo niente da spartire, abbiate pazienza, il cancro dei coglioni esaltati lo abbiamo anche noi. Però fate attenzione al finto buonismo in atto dai proseliti dei criminali, oggi servite perché siete 1 milione e mezzo di voti, ma loro rimangono la razza che impedisce una messa di suffragio, come ieri a Taranto, la razza che pubblica vignette ignobili contro i ragazzi del 99 per mettere in dubbio la tragedia delle foibe, come ha fatto l’Anpi recentemente. Ognuno ha i suoi terroristi, Imam, voi dovete fronteggiare contro l’Isis, noi dobbiamo difenderci da quella ciurmaglia di criminali, ladri e senza Dio che sono i comunisti. Razza infame, quindi.

Marco Vannucci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: