Skip to content

SAREBBE SOLO CHE ORA !!!!

17 aprile 2016

12993569_776646659101587_2477109092993335983_n

 

da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

L’editoriale della domenica, di Roberto Buonasorte

17/04/2016 05:50

IN ESILIO

Tra scandali e l’incognita dei referendum, per Matteo Renzi sta per suonare la campana dell’ultimo giro

IN ESILIO
Ancora pochi mesi e ci toglieremo di mezzo il bullo fiorentino

 

Non sappiamo se questa sera, quando saranno resi noti i risultati del referendum sulle trivelle, sarà stato raggiunto il quorum necessario affinché esso sia valido, certo è però che se i sì, come ci auguriamo, avranno stravinto, per Matteo Renzi sarebbe un primo durissimo colpo.

Poi ci sono gli scandali che stanno coinvolgendo, un giorno sì e l’altro pure, esponenti di primo piano del governo e di molte amministrazioni locali guidate dal centrosinistra, dalle banche fino al petrolio mai prima si era visto tanto malcostume.

In mezzo a tutto questo schifo fa da contorno una crisi economica che non conosce precedenti.

Hai voglia caro Renzi a invadere radio e televisioni, sempre più servili, con quel sorrisetto sarcastico che è una via di mezzo tra l’arrogante e l’irresponsabile, ripetendo che tutto va bene, che il Paese sta cambiando in meglio, che la ripresa è ormai a portata di mano.

Purtroppo per noi nessuno se ne è accorto: le imprese, sempre più numerose, sono costrette a chiudere i battenti lasciando in mezzo alla strada centinaia di migliaia di famiglie; i giovani ormai in percentuale da quarto mondo sono disoccupati e non potranno mai realizzare il sogno di metter su famiglia; gli anziani – anziché godersi la vita dopo decenni di sacrifici – costretti ad usare i pochi risparmi depositati alla Posta per aiutare a campare figli e nipoti ai quali spesso mancano addirittura poche decine di euro per comprare  pane latte uova e farina.

È l’Italia del bullo fiorentino, quel provincialotto che si crede Obama e si permette di far spendere ai cittadini italiani quasi un milione e mezzo di euro ogni mese per la rata del suo nuovo aereo extra lusso; e pensare che il primo giorno a Palazzo Chigi si era presentato con una piccola Smart, vergogna!

Spesso le nostre forze dell’ordine si lamentano perché non hanno più neppure i soldi per la benzina che serve per il pattugliamento notturno; ecco, se con la cifra che Renzi spende ogni mese per il suo aereo personale potessimo comprare carburante per quei carabinieri e poliziotti, essi avrebbero a disposizione un milione di litri di carburante al mese, tradotto, 2300 volanti in più ogni notte sul territorio nazionale a pattugliare le nostre strade.

E mentre stancamente si avvicina la data delle elezioni amministrative tra le speranze milanesi e le follie romane del centrodestra, a ottobre ci sarà la battaglia finale, quella del referendum sulle riforme costituzionali.

Se Renzi per quella data fosse ancora in sella, sarebbe l’ultimo giorno di permanenza a Palazzo Chigi; la probabile vittoria di chi si oppone ad una riforma assolutamente inutile e antidemocratica ne decreterebbe la definitiva cacciata.

Mentre volge verso il tramonto l’idea di centrodestra incentrato sui vertici di Arcore e Palazzo Grazioli, nuove forme di aggregazione ampie e plurali sembrano prendere forma, e tutto fa pensare che per Renzi e il cerchio magico fiorentino sarà la fine.

Se saremo bravi e meno presuntuosi lo manderemo in esilio.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: