Skip to content

VORRA’ DIRE CHE ADESSO SAREMO NOI A TOGLIERE DI MEZZO LORO……. PEZZENTI !!!!

febbraio 29, 2016

da  IL  GIORNALE.IT

 

Gli Usa: l’ex Pci voleva rovinare Berlusconi e tutte le sue aziende

Nel maggio ’94 l’ambasciatore avvisò la presidenza Clinton: “Il Pds è deciso a distruggere il nuovo premier”. Pochi mesi dopo l’agguato dei pm di Milano

Come un abusivo. Le carte della diplomazia Usa, pubblicate oggi per la prima volta dal Giornale, sono un documento straordinario, un’anticipazione di quel che sarebbe puntualmente successo di lì a pochi mesi: l’uscita di scena del premier, azzoppato dall’avviso di garanzia del Pool Mani pulite. L’ambasciatore Usa Reginald «Reg» Bartholomew aveva capito tutto e aveva avvisato Washington e l’amministrazione Clinton. I documenti trovati a Washington al Dipartimento di Stato da Andrea Spiri, professore della Luiss, confermano la previsione dell’accerchiamento e poi dell’attacco letale.È il 4 maggio 1994 quando Bartholomew invia a Washington un documento profetico, chiamato «Profilo del primo ministro incaricato Silvio Berlusconi». Il 4 maggio il governo deve ancora insediarsi, il Cavaliere entrerà a Palazzo Chigi solo il 10 maggio, ma il film è già scritto: il countdown è partito, il Pds non tollera l’idea che la gioiosa macchina da guerra di Achille Occhetto sia stata battuta quando pensava di avere campo libero sulle macerie della Prima Repubblica.A dicembre, ben prima delle elezioni, Bartholomew aveva già incontrato Berlusconi e il Cavaliere gli aveva spiegato che «il suo primo obiettivo, quando ha deciso di entrare in politica, era sconfiggere la sinistra». Il problema è che la sinistra, che verrà presa in contropiede dal clamoroso successo di Forza Italia, ha deciso di far fuori la nascente anomalia in grado di scompaginare i piani di D’Alema e Occhetto. Berlusconi l’ha raccontato subito all’ambasciatore che però ha messo insieme altri indizi e non si fa nessuna illusione su quello che avverrà: «Berlusconi ha riferito, e i contatti giornalistici giurano sia vero, che gli uomini del Pds (e D’Alema in particolare) hanno apertamente fatto sapere che se venissero eletti distruggerebbero economicamente Berlusconi. È stato riferito che D’Alema avrebbe detto (e non l’ha mai smentito) che il suo grande desiderio era quello di vedere Berlusconi elemosinare nel parco. È stato anche riferito che altri esponenti Pds avrebbero detto che lo stesso Berlusconi farebbe bene a lasciare l’Italia in caso di loro vittoria perché l’avrebbero distrutto».Storie note, fra voci e suggestioni, rimbalzate per molti anni nell’arena del bipolarismo italiano. Ma certo, in quel fatale maggio di 22 anni fa, Bartholomew, scomparso nel 2012 a 76 anni, mette in fila gli elementi e prefigura il copione che puntualmente si svolgerà nelle settimane successive: il 10 maggio, solo sei giorni dopo, il Cavaliere giura ma la macchina bellica, per niente gioiosa, è già in moto. I postcomunisti troveranno una sponda decisiva nell’azione della magistratura che il 21 novembre uccide di fatto il governo inviando al premier un invito a comparire per corruzione, recapitato direttamente in edicola dal Corriere della sera. Per di più nelle stesse ore in cui Berlusconi è impegnato in una conferenza internazionale contro la criminalità a Napoli. L’effetto è devastante e si somma alle manovre di Palazzo del presidente Oscar Luigi Scalfaro, lo stesso di cui altri report americani, pubblicati ieri in esclusiva dal Giornale, documentano l’ostilità totale verso il Cavaliere. Un intruso da sloggiare prima possibile, come ha svelato agli americani una fonte autorevolissima: l’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga. «Cossiga – scriverà Bartholomew il 20 dicembre, quando ormai Berlusconi è sull’orlo delle dimissioni – ha detto di ritenere che Scalfaro farebbe qualunque cosa pur di evitare un ritorno di Berlusconi al governo».Ma il 4 maggio 1994 la breve avventura del Cavaliere deve ancora cominciare. Eppure, con alcuni distinguo e con la necessaria prudenza, l’amministrazione democratica sembra accogliere senza diffidenza l’uomo cresciuto lontano dal Palazzo: «Berlusconi è un uomo che si assume dei rischi… che si è mosso in maniera rapida per colmare il vuoto politico provocato da Tangentopoli».Del resto con straordinaria preveggenza in un altro report, datato addirittura 15 ottobre ’92, l’ambasciatore Peter Secchia, a Roma prima di Bartholomew, già aveva battezzato il Cavaliere «come nuovo leader politico», con la benedizione del declinante Craxi. E aveva evidenziato la sua partecipazione a una cena organizzata dal segretario del Pli Renato Altissimo per creare un soggetto politico in grado di raccogliere l’eredità del pentapartito. «Il governo Berlusconi sembra cadere – scrive a dicembre Bartholomew – E poi? Se cade – nota con un affilato giudizio controcorrente – questo potrebbe rafforzare l’impressione che l’Italia stia scivolando indietro».

From → Uncategorized

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: