Skip to content

SE PENSO CHE FRANCESCO STORACE E’ SOTTO PROCESSO PER AVERGLI DATO DELL’ INDEGNO, MI SI SMUOVE IL DELIRIO……..!!!!!

febbraio 28, 2016

E  PENSARE  CHE  SI  RIEMPIONO  LA  BOCCA  CON  LA  PAROLA  “DEMOCRAZIA”…….. MALEDETTI  COMUNISTI !!!!

Patrick di Majan

 

da  LIBEROQUOTIDIANO.IT    28 Febbraio 2016

 

Una prova devastante

“Sa bene quello che deve fare…”. Il “pizzino” che demolisce Napolitano

1456655696461_jpg--giorgio_napolitano_e_silvio_berlusconi

Gli Stati Uniti spiavano Silvio Berlusconi: è la novità della settimana. E, in tandem con Bruxelles, cospiravano per la sua caduta. Strategie e complotti con epicentro a Washington, insomma, testimoniati da una serie di carte e documenti che, ora, sono state scovate. A trovarle è stato Andrea Spiri, professore della Luiss, che ha scovato al Dipartimento di Stato di Washington i “fogli che scottano” dopo la progressiva desecretazione avvenuta tra ottobre 2012 e dicembre 2015.

Parte di questi documenti sono stati pubblicati da Il Giornale. Si torna così a novembre 2011, con lo spread in volo, l’assedio a Berlusconi e i “sorrisetti” di Merkel e Sarkozy. Ed è il 12 novembre quando il sottosegretario alla crescita economica Robert Hormats invia una mail a Jacob Sullivan, capo dello staff del segretario di Stato Hillary Clinton. Hormats si rifà a un rapporto inviato il 9 novembre dall’ambasciatore David Thorne. Nella missiva si legge: “Continuano i battibecchi politici, ma la direzione generale è fissata”. E la direzione è un cambio di governo: quello che ha poi portato Mario Monti a Palazzo Chigi.

La corrispondenza prosegue con un misterioso omissis. Quindi Thorne riprende: “Sono anche intervenuti la Merkel e Sarkozy. Lo spread è sotto il picco, ma ancora molto alto. L’Italia sa quello che deve fare. David”. “Spero – riprende Hormats – che Thorne abbia ragione, che l’Italia sappia quello che deve fare. Dovremmo vedere se Monti può farcela con gli insofferenti e se può portare dalla sua parte l’opinione pubblica. Egli è molto brillante, ma le sue capacità politiche e motivazionali andranno verificate”. E mister Hormats aveva ragione: Monti, infatti, si sarebbe rivelato un totale disastro.

La frase più pesante, però, è quel “l’Italia sa quello che deve fare”. Era tutto già scritto, già deciso, insomma. E il grande burattinaio era l’allora capo dello Stato, quel Giorgio Napolitano avrebbe brigato per il crollo dell’ultimo esecutivo Berlusconi: quando gli Usa scrivevano “l’Italia sa quello che deve fare” era fin troppo facile individuare in Re Giorgio il referente. Eppure, Napolitano, oggi ha scelto di tacere: il presunto regista del complotto ha annunciato che non risponderà alle domande su ciò che è accaduto in quelle settimane.

 

 

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: