Skip to content

DOVE C’ E’ COMUNISMO C’ E’ DEGRADO…….. NON SANNO NEANCHE GARANTIRE LA SICUREZZA DEI BAMBINI !!!!

26 febbraio 2016

DA  QUANDO  HANNO  RIEMPITO  LE  SCUOLE  DI  COMUNISTI,  C’ E’  ABBONDANZA  DI  IGNORANZA  E  DI  INSICUREZZA…….. BISOGNA  BUTTARE  FUORI  LE  ZECCHE  DA  TUTTE  LE  SCUOLE  PUBBLICHE !!!!!

Patrick di Majan

 

da  Messaggero  Veneto    26 febbraio 2016

 

Bullismo a scuola, emergono verità orribili dalla classe di Pordenone

Sputi, pugni, insulti razzisti e omofobi, due ragazzini terribili e intoccabili. Risate perfino dopo i fatti di Parigi e il tentato suicidio della compagna .

PORDENONE. «Sei una buona a nulla, non vali niente, non fai sport, che cosa servi a questo mondo?

Buttati giù, suicidati, non vali niente, fatti male da sola perchè servi solo a noi per divertimento».

E’ soltanto una delle frasi che venivano rivolte alla ragazzina dodicenne di Pordenone che, il 18 gennaio scorso, ha tentato il suicidio perchè minacciata e vessata più volte dai bulli in classe.

Secondo gli inquirenti che indagano sulla vicenda, «la ragazzina appare molto coinvolta emotivamente: la voce è incerta e tremolante così come tutto il suo corpo».

Buttati giù, suicidati, non vali niente, fatti male da sola perchè servi solo a noi per divertimento».

E’ soltanto una delle frasi che venivano rivolte alla ragazzina dodicenne di Pordenone che, il 18 gennaio scorso, ha tentato il suicidio perchè minacciata e vessata più volte dai bulli in classe.

Secondo gli inquirenti che indagano sulla vicenda, «la ragazzina appare molto coinvolta emotivamente: la voce è incerta e tremolante così come tutto il suo corpo».

Sono i verbali dell’indagine aperta sul conto della dirigente scolastica e degli insegnanti quelli che sono emersi, nelle ultime ore, circa il caso scoppiato della città del Noncello.

Da essi si evince che due ragazzini, un italiano e un bosniaco, facevano in classe il bello e il cattivo tempo, con dalla loro la legge visto che, ancora sotto i 14 anni, risultano totalmente inimputabili.

Di qui i problemi per le dirigente scolastica Stefania Mamprin e per gli insegnanti della media centro storico, finiti sotto la lente della procura della Repubblica nell’ambito di un fascicolo aperto per concorso omissivo in atti persecutori.

Al momento non vi sono contestazioni d’accusa dirette ma l’inchiesta prosegue.

Diciassette i compagni della ragazzina sentiti dagli investigatori.

Tra le frasi verbalizzate «Mi ha toccata e so che anche… è stata toccata ma non mi ha detto da chi».

La stessa dodicenne che ha tentato il suicidio parla di un’amica «toccata» e «ricattata».

Sputi, pugni, lancio di caramelle, «se ti prendono di mira sei finito». A qualcuno ripetevano «Stai zitto, sfigato» o «brutto gay, sei sfigato, frocio».

A una ragazzina immigrata veniva detto «puzzi, sei spazzatura».

Ragazzini che ridevano per i fatti degli attentati di Parigi, invocavano Allah e che, sempre da quello che emerge dai verbali, anche dopo il tentato suicidio della compagna non cambiavano atteggiamento.

Anzi, pur di fronte a quanto successo, continuavano a restare imperterriti e assolutamente indifferenti.

Secondo quanto dichiarato da una professoressa, i problemi erano noti e la dirigente, a suo dire, non avrebbe adottato provvedimenti.

Di certo sta emergendo uno scenario di squallore che la procura della Repubblica sta sviscerando pagina dopo pagina. E ogni giorno che passa i risultati sono sempre più sconfortanti.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: