Skip to content

QUANDO CI SONO INFAMI AL COMANDO, SUCCEDE QUESTO E ALTRO…….!!!!

febbraio 15, 2016

da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

Primo piano

15/02/2016 09:19

Quattro anni di vergogna italiana

I marò Latorre e Girone ancora ostaggi dell’India, nel silenzio anche di questo governo. Che preferisce gli affari di poche aziende alla vita di due connazionali

Quattro anni di vergogna italiana
Quattro anni, 1461 giorni: da tutto questo tempo dura il calvario di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, i marò italiani accusati di aver sparato, per l’appunto il 15 febbraio del 2012, a due pescatori indiani, uccidendoli.
Una vicenda attorno alla quale gli indiani non hanno mai fatto chiarezza e trascinano un processo infinito, ‘grazie’ anche all’insipienza dell’Italia e dei governi Monti (soprattutto), Letta e Renzi (sta perseverando in una maniera diabolica).
Ora Latorre si trova in Italia,ma solo per le cure mediche perché nel frattempo colpito da un ictus, e con gli indiani che ogni volta provano a riportarlo da loro (a fine aprile la prossima udienza). Girone invece è ancora a New Delhi, costretto a non muoversi dal perimetro della nostra ambasciata, di fatto prigioniero e con la possibilità che la moglie e i due figli possano recarsi fin laggiù solo durante le feste.
Adesso tutta la vicenda è all’esame della Corte permanente di arbitrato (Cpa) dell’Aja, dopo che il governo italiano – sempre tardivamente – si è degnato di richiederne l’intervento. Ma la decisione non arriverà prima dell’estate 2018. E nel frattempo? L’Italia ha chiesto che Latorre resti comunque a casa per curarsi e che Girone torni a casa, in attesa di quella sentenza. Ma appare difficile sperare in un sì da parte dell’India. Anche perché, aldilà di queste richieste formali, le ‘pressioni’ dell’Italia sullo Stato asiatico sono pressoché inesistenti. Più preoccupati come siamo degli affari che alcune aziende di casa nostra fanno da quelle parti. Molto più preoccupati di mostrare nastrini arcobaleno al festival di Sanremo che non una coccarda gialla di solidarietà nei confronti di Salvatore e Massimiliano.

Quattro anni, 1461 giorni: da tutto questo tempo dura il calvario di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i marò italiani accusati di aver sparato, per l’appunto il 15 febbraio del 2012, a due pescatori indiani, uccidendoli.Una vicenda attorno alla quale gli indiani non hanno mai fatto chiarezza e trascinano un processo infinito, ‘grazie’ anche all’insipienza dell’Italia e dei governi Monti (soprattutto), Letta e Renzi (sta perseverando in una maniera diabolica).Ora Latorre si trova in Italia, ma solo per le cure mediche perché nel frattempo colpito da un ictus, e con gli indiani che ogni volta provano a riportarlo da loro (a fine aprile la prossima udienza). Girone invece è ancora a New Delhi, costretto a non muoversi dal perimetro della nostra ambasciata, di fatto prigioniero e con la possibilità che la moglie e i due figli possano recarsi fin laggiù solo durante le feste.

Adesso tutta la vicenda è all’esame della Corte permanente di arbitrato (Cpa) dell’Aja, dopo che il governo italiano – sempre tardivamente – si è degnato di richiederne l’intervento. Ma la decisione non arriverà prima dell’estate 2018.

E nel frattempo? L’Italia ha chiesto che Latorre resti comunque a casa per curarsi e che Girone torni a casa, in attesa di quella sentenza. Ma appare difficile sperare in un sì da parte dell’India. Anche perché, aldilà di queste richieste formali, le ‘pressioni’ dell’Italia sullo Stato asiatico sono pressoché inesistenti. Più preoccupati come siamo degli affari che alcune aziende di casa nostra fanno da quelle parti. Molto più preoccupati di mostrare nastrini arcobaleno al festival di Sanremo che non una coccarda gialla di solidarietà nei confronti di Salvatore e Massimiliano.

Igor Traboni

From → Uncategorized

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: