Skip to content

DOVE C’ E’ P D NON C’ E’ ONESTA’ (INTELLETTUALE ?) !!!!

8 febbraio 2016

12687997_10207089975944952_4743342440793391969_n

10351331_1239470712747393_6044866044391131509_n

12670602_558070604356627_8490875720201138670_n

 

da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

 

Politica e dintorni

08/02/2016 05:55

Sala grida ‘vittolia’

Vince le primarie del centrosinistra a Milano, segnate da una grande partecipazione di stranieri. Storace: ‘Ridicolo vedere tanti cinesi in fila, ma che lo facciano notare quelli che non le vogliono nel centrodestra…’

Sala grida 'vittolia'

 

Giuseppe Sala ha vinto le primarie del centrosinistra a Milano e sarà dunque lui il candidato alle elezioni comunali, nella corsa alla successione a Giuliano Pisapia Sala ha battuto Francesca Balzani; più staccati Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta.
Già nella serata di ieri, a spoglio ancora in corso, Renzi ha telefonato a Sala per complimentarsi.
Ma le primarie del centrosinistra milanese sono state segnate soprattutto dalle polemiche per la larga, e anche un po’ sospetta , partecipazione di cittadini cinesi. Proprio questa larga presenza ha comunque portato il numero complessivo dei votanti a superare quota 50mila, comunque un flop. Quando toccò a Pisapia, per dire, i milanesi ai gazebo furono 67mila.
I cinesi che, secondo Matteo Salvini, sono corse a “votare il candidato di Renzi”. Accuse anche da Grillo e Forza Italia per la larga partecipazione di cinesi, molti dei quali – secondo le interviste effettuate anche da alcuni tg – non hanno neppure una sufficiente padronanza dell’italiano. Per il comitato delle primarie, invece, gli stranieri ai gazebo sarebbero stati solo il 4% dei votanti.
“Le polemiche del centrodestra sulle primarie del Pd fanno sorridere. È vero che è un po’ ridicolo vedere i cinesi in fila, ma che lo facciano notare quelli che non vogliono far votare neppure i nostri italianissimi elettori per la scelta dei nostri candidati, da’ la misura di uno squilibrio notevole”, ha commentato in un nota il leader de La Destra e candidato Sindaco di Roma, Francesco Storace.

ig tr

—————————————————————-

da  ImolaOggi

Primarie a Milano: file di cinesi per votare Giuseppe Sala, è polemica

 

Alle primarie di Milano scoppia il caso della comunità cinese, una delle più numerose a Milano con più di 28 mila residenti nel capoluogo (dato del 2014). Il Fatto Quotidiano ha svelato un retroscena: molti di loro si preparerebbero a votare alle primarie di centrosinistra per scegliere il candidato a sindaco. E sarebbero compatti per l’ex commissario di Expo, Giuseppe Sala.

Di per sé si tratta di una non-notizia, visto che il regolamento delle primarie parla chiaro: possono votare gli stranieri in regola con il permesso di soggiorno e residenti in città. Punto. Quindi un cittadino cinese residente a Milano e in regola col permesso di soggiorno può votare liberamente alle primarie. Di che cosa ci si stupisce, allora?

Naturalmente il timore è che si sia formata una specie di “lobby”. Il Fatto Quotidiano cita un incontro tra Milena Santerini (deputata del Pd, ex Scelta Civica) e alcuni imprenditori cinesi della zona di via Paolo Sarpi, ma anche una pagina web in lingua cinese che invita a votare per Sala. Con tanto di istruzioni su come trovare il proprio seggio a partire dalla via di residenza.

cinesi-pd

I sostenitori di Francesca Balzani e Pierfrancesco Majorino hanno subito fatto polemica. Su Facebook, alcuni – autodichiaratisi persidenti di seggio – promettevano serrati controlli in sede di votazione, per limitare al massimo gli “intruppati”.

Al polverone ha risposto direttamente Francesco Wu, imprenditore italo-cinese considerato uno dei leader della comunità a Milano. «La scelta di andare a votare in occasione delle primarie per il candidato sindaco di Milano costituisce un primissimo passo ed una novità che evidenzia una crescita di consapevolezza come cittadini», scrive Wu in una lettera aperta di replica: «Penso che questa sia una bella notizia per chi ha a cuore l’integrazione tra vecchi e nuovi cittadini a Milano. In tempi di crisi di convivenza Milano può affermare di aver fatto un passo avanti anche in questo».

Wu precisa poi che «molte associazioni e circoli milanesi hanno preso posizione per un candidato. Dare il proprio sostegno in modo pubblico costituisce una parte importante di questa bella battaglia democratica». Del resto, sempre negli ultimi giorni di campagna, un’associazione di consumatori (il Codacons) si è schierata apertamente per Francesca Balzani. E nessuno ha avuto da ridire. E se si permette agli stranieri di votare, si deve poi anche accettare, in un modo o nell’altro, che si schierino e scelgano.

milanotoday.it

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: