Skip to content

NON E’ GIUSTO PAGARE UNA TASSA PER PAGARE MILIONI A VOLGARI PARASSITI LACCHE’ DI REGIME !!!!

febbraio 2, 2016

12647136_176898712677927_305306410935535541_n

 

da  IL  SECOLO  D’ ITALIA

 

La Littizzetto usa la tv per fare comizi: la Rai risponda sugli insulti alla Meloni

La Littizzetto usa la tv per fare comizi: la Rai risponda sugli insulti alla Meloni

martedì 2 febbraio 2016 – 12:47

«In merito ai volgari attacchi rivolti da Luciana Littizzetto nei confronti di Giorgia Meloni nel corso della trasmissione Che tempo che fa trasmessa domenica 31 gennaio su Rai Tre, ho presentato un’interrogazione in Commissione di Vigilanza perché è intollerabile il silenzio dei vertici aziendali. Chiedo di sapere come la Rai valuti le parole a mio avviso razziste, sessiste e comunque fortemente offensive rivolte a Giorgia Meloni, messa alla berlina per il suo annuncio di gravidanza». Lo dichiara il senatore di Fi Maurizio Gasparri.

Gli attacchi della Littizzetto e il ruolo dei vertici Rai

La Littizzetto ha sminuito la portata del Family Day, ha offeso Adinolfi sul fisico e ha “sparato” contro la leader di Fratelli d’Italia. «Tralascio gli attacchi che mi riserva personalmente Luciana Littizzetto, un’autentica stalker televisiva», ha aggiunto Gasparri. «Ma mi chiedo se il presidente Maggioni, il direttore generale e lo stesso direttore di rete ritengano compatibili con la funzione di servizio pubblico e in linea con l’etica aziendale questo atteggiamento e quello assunto da tanti altri programmi che hanno ridicolizzato il Family day e quanti si sono battuti in difesa dell’elementare principio della nascita di un bambino da un uomo e una donna. Non mi risulta che il vertice Rai abbia finora preso le distanze dalle gravissime offese alla Meloni, che hanno avuto nella trasmissione di Fazio un’eco notevole, alimentando gli insulti anche attraverso i Social network. Il pensiero della Littizzetto è lo stesso di chi oggi guida la Rai?».

———————————————————————–

12063442_1674916166086730_1755032497362348830_n

————————————————————————

da  IL  GIORNALE.IT

Il razzismo degli imbecilli contro la Meloni incinta

La leader di FdI alla gogna mediatica. Ma la verità è che la maternità non c’entra un tubo: si tratta di destrofobia

Il linciaggio del politico è ormai sport nazionale, la satira ci sguazza, a volte facendoci sorridere come fa Crozza.

Ma quello che sta succedendo a Giorgia Meloni è troppo anche per noi che ripudiamo i moralismi e non disdiciamo le storielle e le battute maschiliste. Da quando la leader di Fratelli d’Italia ha annunciato al Family day di essere in dolce attesa, apriti cielo. Lei, il suo compagno e il nascituro sono bersaglio di insulti e sfottò in Tv (la Littizzetto da Fazio), su siti e blog di internet. Una vera gogna mediatica.

Una leader politica incinta è una notizia, su questo non c’è alcun dubbio. Ma non capisco dove stia l’anomalia. Forse è nel fatto che lei, non sposata, abbia partecipato al Family day? E allora? In quella piazza c’era chiunque sia convinto che la famiglia uomo-donna sia un unicum: cattolici sposati in chiesa, laici uniti civilmente in Comune, coppie di fatto, divorziati (per colpa o per fallimento), single per necessità o vocazione e pure gay occulti e palesi, peccatori di ogni ordine e grado. C’era chi pensa che un bambino non può essere comprato e che deve avere una mamma e un papà, anche se di figli non ne ha avuti o ne vuole avere. C’era, insomma, chi difende una visione della società che va oltre i propri limiti e capacità.

Scusate, signori dalla battuta facile, ma un domani mettereste alla gogna un gay non sposato o divorziato che partecipasse a un Family gay? Non credo. Anzi, sareste pronti a bollare di razzismo e omofobia chiunque osasse farlo. La verità è che la maternità non c’entra un tubo, è che Giorgia Meloni è di destra e in quanto tale lei e suo figlio perdono il diritto al rispetto che si deve a una donna incinta e a un bimbo in grembo. Si chiama razzismo, destrofobia. Sul quale tacciono, e la cosa non mi sorprende, le paladine del gentil sesso (solo se di sinistra o immigrato) e sul quale non si fanno sentire a sufficienza le donne di destra, politiche e no.Ma forse è giusto così. Una donna di sinistra si sarebbe messa a piagnucolare isterica in cerca di solidarietà. A destra le donne sanno difendersi da sole, che è pure meglio. Mi auguro che Giorgia Meloni si occupi di suo figlio, non di questa massa di imbecilli rancorosi e invidiosi.

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: