Skip to content

MALEDETTI IDIOTI……. GIU’ LE MANI DAI BAMBINI !!!!

30 gennaio 2016

12631336_960170870743544_6917538765024490698_n

 

da  IL  GIORNALE  D’ ITALIA

 

l’editoriale di Francesco Storace

30/01/2016 06:00

FAMIGLI

Oggi in piazza l’Italia che si oppone alla cancellazione del diritto dei figli a padre e madre

FAMIGLI
Ncd incassa il ministero per la famiglia ma non disturba il governo che briga per scardinarla

Oggi almeno una famiglia contenta c’è, ed è quella del neoministro Costa che, come premio fedeltà ad Alfano, si cucca la poltrona con delega agli affari regionali e che si dovrà occupare, Cirinnà permettendo, anche di questioncelle domestiche, che so, tra marito e marito, tra moglie e moglie, con annessi e connessi paparine e mammini.

Grande è la confusione sotto il cielo, sentenziava Mao, e l’Italia non è da meno. Ma proprio ora doveva varare il rimpasto, Matteo Renzi? La nomina di Costa e del gruppetto di sottosegretari che si accomoda al banchetto di governo avrebbe potuto attendere qualche giorno: fatta così, sembra davvero una sfida al milione di persone che oggi scendono in piazza al Family Day. Una sorta di dispetto a quanti esprimono fortissima preoccupazione per la deriva che si intravede con la discussione del disegno di legge sulle unioni civili.

Quel popolo non lancia anatemi, ma pretende il rispetto della tradizione.

Il rimaneggiamento dell’esecutivo provoca sconcerto. Perché dopo il raduno odierno, la politica di maggioranza tenterà di fregarsene ancora, accecata com’è da un ideologismo strabico, che non vede i danni che provoca. Quando la legge Cirinnà approderà in aula, chi darà il parere sugli emendamenti a nome del governo? Quale sarà l’atteggiamento del ministro Costa e del suo Ncd? Ma davvero pensate che la lacerazione di un pilastro della società possa lasciare indenne un governo?

Ci vuole attenzione per chi manifesta a nome di tantissimi milioni di italiani. Noi de La Destra avevamo organizzato proprio per oggi un nostro raduno popolare per lanciare la proposta per Roma. In segno di rispetto con il Family Day e per consentire ai nostri militanti di parteciparvi, lo abbiamo spostato a domani, sfidando anche il cervellotico e inutile blocco del traffico decretato, al solito, dal commissario Tronca.

Ma questa adunata odierna è troppo importante per non aderire. Non si sfila per impedire di amarsi, ma per donare amore ai nostri figli. Che sono più importanti di noi e hanno diritto ad avere un padre e una madre, da cui sono generati e non prodotti. Non dovrebbe essere così difficile da comprendere. In questa società un po’ strana, invece, ora sembra prevalere un diritto ad avere figli anche se la natura afferma il contrario.

Ecco, qui sta la questione centrale. Al Circo Massimo non va in scena il divieto ad innamorarsi, anche di persone dello stesso sesso; in fondo, sono fatti loro, dice giustamente chi ne parla. E hanno diritti individuali da garantire. Ma se in gioco sono il matrimonio e le adozioni, diventano fatti nostri – di tutti noi – perché si pretende di imporre un modello sociale alternativo a quello in cui siamo cresciuti.

Il rispetto ci vuole da entrambe le parti. Ed è sbagliato attaccare come omofobia la volontà di mantenere una tradizione che affonda le sue radici nel diritto naturale. Nessun omosessuale va discriminato; ma nessuna famiglia va scardinata.

Francesco Storace

—————————————————————————-

12654569_550566608443760_1768931757335200866_n

1917849_739327906166796_6764100054999552309_n

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: