Skip to content

UNA DI QUESTE, LA DOBBIAMO SUBIRE E SOPPORTARE IN F. V. G. !!!!

gennaio 25, 2016

da  LIBEROQUOTIDIANO.IT      25 Gennaio 2016

 

Ai raggi x

Ecco che fine hanno fatto le renzine: sparite (e inchiodate da un dossier)

1453719350969_jpg--ecco_che_fine_hanno_fatto_le_renzine__sparite__e_inchiodate_da_un_dossier_

 

Renzine? Sparite. Belle e (dicevano) brave, i volti nuovi del renzismo, quelle che per intendersi impazzavano ai tempi delle elezioni Europee, sono già, chi più o chi meno, sparite nel nulla. Di loro si sono perse le tracce. E allora, passiamoli in rassegna, i volti nuovi scelti da Matteo Renzi e già caduti nel dimenticatoio (o peggio). Si parte dal caso più recente, quello di Federica Mogherini, imposta come Alto rappresentante Ue per la sicurezza e politica estera dopo un lungo braccio di ferro: quale sia stata la sua (poco scintillante) carriere su quello scranno, tra gaffe e impalpabilità politica, è sotto agli occhi di tutti.

L’elenco continua con Debora Serracchiani, vicesegretario Pd, che, si dice, sarebbe caduta in disgrazia per il suo “sterile e discontinuo” impegno (dixit Il Giornale) nella gestione del partito: Debora, infatti, scaricherebbe tutto sulle spalle di Lorenzo Guerini. Ci sarebbe poi da spendere una battuta anche su Maria Elena Boschi: se per lei è ingeneroso il bollo di “renzina”, di sicuro c’è che anche lei è vicinissima al premier e, altrettanto sicuro, le recenti vicende stanno appannando la sua stella. Tra le poche “renzine” che, al contrario, vivono un momento positivo si annovera Anna Ascani, 28enne umbra e più giovane deputata della Repubblica: da settembre scorso, da quando fu avvistata sull’elicottero del premier a Cernobbio, di lei si parla molto.

Dopo questo excursus, però, si arriva alle renzine per eccellenza. Le capolista alle Europee: Alessandra Moretti, Simona Bonafè, Caterina Chinnici, Pina Picierno e Alessia Mosca. Una volta arrivate a Bruxelles dopo aver fatto indigestione di preferenze sono letteralmente scomparse. In tutti i sensi: eccezion fatta per la Mosca (36esima su 73 posizioni) le altre languono ai livelli più bassi di un dossier relativo alla produttività all’interno del gruppo degli europarlamentari italiani. Nel dettaglio, spicca in negativo la Moretti: al penultimo posto per numero di interventi, presentazionee di risoluzioni, interrogazioni parlamentari e relazioni a provvedimento. Una vicenda, quella della Moretti, la ladylike dei disasti, emblematica.

 

Advertisements

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: